Condividi

IL GIRO DEI QUATTRO PASSI. BENCHE’ SIA UN FAMOSO TOUR DELLE DOLOMITI, UTILIZZIAMO LA LICENZA POETICA PER ALLUDERE ALLE QUATTRO VERSIONI DELLA ALFA ROMEO STELVIO PRESENTI A GINEVRA: FIRST EDITION 280 CV, TURBODIESEL 2.2 DA 180 CV, TURBODIESEL 2.2 DA 210 CV E QUADRIFOGLIO VERDE DA 510.

L’Italia entra di prepotenza nel segmento SUV con l’Alfa Romeo Stelvio, prossimo avversario di Porsche Macan, Audi Q5, BMW X3 e Lexus NX. L’italianità ha, perciò, la sua bandiera all’interno di un segmento fondamentale per il mercato (l’ha capito anche il Gruppo Jaguar-Land Rover che lancia la Range Rover Velar e la Jaguar I-Pace Concept). Non sarà semplice ma è chiaro che il Biscione punta a fare quello che, tutto sommato, nel 2003 Porsche fece con la Cayenne: “convincere” la schiera dei propri aficionados con un prodotto completamente nuovo ma coerente e proporre i propri valori distintivi anche alla clientela potenziale puntando su temi forti, caldi, convincenti.

Sulla passerella di Ginevra si possono ammirare: la Stelvio First Edition” 2.0 Turbo benzina da 280 Cv e la Stelvio Super con motore 2.2 Turbodiesel declinato in due potenze: 180 o 210 cavalli con cambio automatico a 8 marce e trazione integrale Q4.

A puntare tutto sulle emozioni ci pensa la regina delle Stelvio, la Quadrifoglio 2.9 V6 Biturbo benzina da 510 CV, presentata lo scorso novembre a Los Angeles.

ALFA VA VELOCE

Lo stand dell’Alfa Romeo ospita anche due esemplari della Giulia Veloce ( 2.0 turbo benzina da 280 CV, cambio automatico a 8 marce e trazione integrale Q4) in rosso Alfa o grigio Stromboli, e le versioni Veloce di Giulietta (LEGGI IL TEST DRIVE DI 0-100.IT) e MiTo (LEGGI IL TEST DRIVE DI 0-100.IT della “ex” Quadrifoglio, dotata della stessa meccanica).

speciale-geneva-2016-logo-0-100-small

Gli Speciali di 0-100.it: Salone di Ginevra 2017

2017© RIPRODUZIONE RISERVATA
Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.