Condividi

Il miliardario americano Jim Glickenhaus potrebbe tornare nel 2014 a far parlare di sé con una versione per la categoria LMP1 della Ferrari P4/5.

La questione è attualmente al vaglio ma la scuderia dello sfaccendato yankee ha rilasciato i primi schizzi di come potrebbe essere lo stile della nuova macchina, possibile competitor nella classe regina dove attualmente corrono Audi R18 TDI, Peugeot 908 Hybrid e Lola – Aston Martin LMP1.

E’ dagli Anni 80, dalla Ferrari 512 BB Le Mans, che la Casa di Maranello snobba la categoria principale delle corse per auto a ruote coperte. Ci fu un timido tentativo nel 1997 con la Ferrari F50GT ma il progetto fu bloccato quando era quasi pronto per partire.

Ridateci la 330 P4!
La storia dell’erede di una delle più belle Ferrari da corsa mai costruite (solo 4 gli esemplari prodotti della 330 P4 del ’67) inizia nel 2006 con la presentazione, al concorso di Pebble Beach, della Ferrari P4/5, una one-off su base Ferrari Enzo allestita dalla Pininfarina con uno stile erede delle forme della P4.

Nel 2010 la P4/5 è stata sviluppata come versione “competizione” anche se, in questo caso, il progetto, ha seguito una direzione più convenzionale: sotto la carrozzeria, infatti, si nasconde la meccanica di una Ferrari F430 GT.

Nel 2011 la P4/5 Competizione ha partecipato alla 24 Ore del Nurbugring con un ottimo risultato: 39° posto assoluto e nella categoria E1-XP2.

Nel 2012 è stata ulteriormente sviluppata come vettura da competizione ibrida con l’introduzione di una specie di sistema KERS. Girando al Nurburgring ha stabilito l’eccezionale tempo di 6:51, il migliore nella categoria Production-Derived Sports Car.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.