Condividi

PROTAGONISTA SILENZIOSA. CON QUEL SUO DESIGN DA LOTUS EXIGE STIRATA NON HA MAI BRILLATO PER FRESCHEZZA STILISTICA. NE’ HA MAI PRETESO PER SE’ LE LUCI DELLA RIBALTA. PERO’ QUANDO S’E’ MESSA A FARE SUL SERIO HA SEPOLTO UN GIGANTE COME LA BUGATTI VEYRON. ORA, DOPO UNA PRODUZIONE MOLTO ESIGUA, E’ GIUNTO PER LEI IL MOMENTO DELLA PENSIONE. CI MANCHERA’ (MA NON E’ IL CASO DI DISPERARSI: STA PER ARRIVARE L’EREDE!)

Hennessey Performance annuncia l’ultima la fine della produzione della Venom GT con la produzione della Final Edition. La serie, di fatto, costituita da un solo esemplare (già assegnato, naturalmente), si contraddistingue per la colorazione Glacier Blue con striscia centrale bianca. La conclusione della storia di questo modello apre, di fatto, la strada alla sua erede, la Venom F5 attesa per fine anno.

12 ESEMPLARI IN 7 ANNI

Entrata in produzione nel 2010, la Venom GT è stata prodotta – dichiara il costruttore – in soli 12 esemplari (tra i suoi proprietari anche Steven Tyler, leader del gruppo rock degli Aerosmith), una produzione ridicola rispetto a buona parte delle sue concorrenti:

McLaren P1: 375 esemplari
Porsche 918 Spyder: 918 esemplari
Ferrari LaFerrari: 500 esemplari
Koenigsegg Agera: 18 esemplari
Bugatti Veyron: 300
Pagani Zonda: oltre 200 (ma sono da annoverare i modelli speciali prodotti in pochissimi esemplari o anche in esemplare unico)
Lamborghini Veneno: 5 esemplari
Mostro Zagato Powered by Maserati: 5 esemplari

Per tutte le Venom GT la procedura è stata la medesima: partendo dalla base di una Lotus Exige, tagliata, schiacciata e allungata, è stato installato un motore 8 cilindri LS7 da 7 litri di provenienza General Motors drogato con due turbocompressori. Hennessey ha dichiarato potenze finali a partire da 1.000 Cv fino a quasi 1.500, scaricati sulle ruote posteriori attraverso un cambio meccanico a 6 rapporti.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.