Condividi

IL FUORIPREMIUM. LA NUOVA LAND ROVER DISCOVERY SPORT ABBANDONA (LEGGERMENTE) IL VALORE DELLA FUNZIONALITA’ E ACQUISISCE UN’IMMAGINE PIU’ RAFFINATA, “STYLISH” E INNOVATIVA. NUOVA SOSPENSIONE POSTERIORE, TANTA TECNOLOGIA, 2 MOTORI TURBODIESEL E UN TURBO-BENZINA.

Da quell’immagine granitica e massiccia, a metà strada tra una Range Rover e un Defender ma, probabilmente, più spostato verso quest’ultimo, il nuovo Land Rover Discovery Sport entra in una dimensione nuova, completamente differente dal passato.

Il nuovo modello si affianca al Discovery 7 posti, ancora in listino, ma aggiorna completamente l’immagine stilistica e getta le basi per tutta la futura gamma Discovery. Ha un’immagine più votata al design, meno funzionale e più a caccia di sguardi.

“Il design dinamico della Discovery Sport eserciterà un forte richiamo emotivo sui nostri clienti, ma anche su una generazione di acquirenti completamente nuova – afferma Gerry McGovern, Design Director e Chief Creative Officer Land Rover. Abbiamo impedito che la funzionalità prendesse il sopravvento sulla progettazione Land Rover, e viceversa; versatilità interna e capacità in off-road sono entrambe da primato della classe. La Discovery Sport è il SUV compatto premium in assoluto.

DESIGN

Il nuovo Discovery Sport è lungo 459 cm, 24 cm in meno rispetto al Discovery 7 posti e 8 cm in più della Evoque, ma offre comunque spazio per 5 e una terza fila di sedili.

E’ stato progettato utilizzando la fluidodinamica computazionale per mantenere le forme tipiche del Defender ma ottimizzandole e riducendo i fruscii aerodinamici. La parte distintiva resta il montante C, orientato verso avanti, ma il design appare più innovativo grazie anche al nuovo design dei fari, con un disegno più sottile e avvolgente. Riprogettati anche gli scudi paraurti, ancora massicci ma con un andamento più sinuoso, dinamico.

La Discovery Sport è disponibile in 12 colori di carrozzeria: Fuji White, Santorini Black, Corris Grey, Indus Silver, Loire Blue, Scotia Grey, Aintree Green, Kaikoura Stone, Firenze Red, Yulong White, Barolo Black e Phoenix Orange. Ci sono, poi, 7 tipi di ruote in lega e un allestimento Black Pack con elementi in nero opaco. Ci sono anche le piastre metalliche per proteggere la scocca, un grande tetto panoramico scuro e il kit con gancio di traino.

L’abitacolo prevede quattro allestimenti, S, SE, HSE e HSE Luxury, declinati con una serie di opzioni e possibilità per massimizzare comfort e funzionalità (vani a profusione, scrigno centrale refrigerato, fino a 4 prese di corrente a 12 Volt e fino a sei prese USB).

TELAIO

La scocca del Land Rover Discovery Sport è una struttura mista in acciaio e alluminio, completamente rinnovata a partire dal montante B. Su questo modello debutta una nuova sospensione posteriore multilink che ha portato 4 benefici: maggiore silenziosità di marcia, nuovo primato per la guida in fuoristrada (fino a 340 mm di escursione), migliore l’handling, spazio abbondante per la terza fila di sedili. A richiesta è possibile montare gli ammortizzatori a controllo elettronico magnetoreologico Adaptive Dynamics con MagneRideTIM.

Discovery Sport monta dischi ventilati anteriori da 325 mm e posteriori da 300 mm, coadiuvati da ABS, Emergency Brake Assist (EBA), Electronic Brake-force Distribution (EBD) e Brake Control (CBC).

La sicurezza prevede anche il debutto mondiale dell’airbag per il pedone (tra 15 e 30 km/h) e la Frenata di Emergenza Autonoma (Autonomous Emergency Braking), attiva sotto 80 km/h.

MOTORI

La Land Rover Discovery Sport debutta con due motori Turbodiesel e un turbo benzina, tutti 4 cilindri. Sono abbinati al cambio meccanico a 6 marce Getrag M66 o all’automatico ZF con convertitore a 9 marce (con funzione Skip-Shift che effettua una “multiscalata”) e a due sistemi di trasmissione: trazione anteriore o integrale Efficient Driveline con Terrain Response e Wade Sensing per l’attraversamento dei guadi.

Il 4 cilindri turbodiesel da 2,2 litri è disponibile in versione TD4 (150 Cv, 420 Nm a 1.700 giri) o SD4 (190 Cv, 420 Nm a 1.700 giri). Sono tecnicamente caratterizzati da turbina a geometria variabile, camera di combustione a turbolenza variabile, sistema di gestione improntato all’efficienza, sistema Stop-Start.

Il 4 cilindri 2.0 Turbo a benzina, denominato Si4, produce 240 CV a 5500 giri e 340 Nm di coppia da 1.800 a 4.000 giri. Dichiara un consumo medio di 6,9 l/100 km. Monta di serie il cambio automatico.

TECNOLOGIA

I sistemi di bordo del Land Rover Discovery Sport comprendono anche:

• Hill Descent Control® (HDC): mantiene automaticamente la velocità predeterminata in discesa.

• Gradient Release Control® (GRC): nelle partenze in salita rilascia i freni progressivamente, per il massimo controllo

• Roll Stability Control (RSC): rileva il rischio di ribaltamento del veicolo nel qual caso frena le ruote esterne per mantenere il controllo del mezzo.

• Dynamic Stability Control (DSC): corregge il sovra/sottosterzo, riducendo la coppia motrice e/o frenando le singole ruote.

• Electronic Traction Control (ETC): previene lo slittamento, riducendo la coppia e/o frenando la singola ruota.

• Engine Drag torque Control (EDC): contribuisce ad impedire il bloccaggio delle ruote, quando il freno motore è eccessivo e l’aderenza è scarsa, aumentando la coppia motrice alle ruote in procinto di slittare.

• Active Driveline: può intelligentemente passare, a seconda delle condizioni, dalla trazione 4×4 alla 4×2

• Torque Vectoring by Braking (TVB)

• sterzo servoassistito elettricamente (EPAS) a rapporto variabile

• Head Up Display (HUD) (novità assoluta).

• l’Automatic High-Beam Assist.  I fari abbaglianti automatici rilevano i fari e le luci di altri veicoli, come anche la luce ambiente nelle zone abitate e il dispositivo ne controlla poi il funzionamento come le condizioni richiedono.

• Lane Departure Warning. L’Allarme Superamento Linea di Corsia avverte con una lieve vibrazione del volante, il pilota che inavvertitamente sta superando tale linea.

• Traffic Sign Recognition   – Il Riconoscimento dei Segnali Stradali rileva la segnaletica e invia allo schermo del navigatore un richiamo sui limiti di velocità e sulle regole di sorpasso.

• Trailer Stability Assist: L’ Assistenza alla Stabilità del Rimorchio, in caso questo divenga instabile, frena le singole ruote per aiutare il pilota a correggere una situazione potenzialmente pericolosa.

• Tow Assist and Tow Hitch Assist.  Tramite una telecamera, i Sistemi di Assistenza al Traino aiutano ad agganciare il rimorchio e ne predicono la traiettoria in retromarcia

• Blind-Spot Monitor & Closing Vehicle Sensing controlla i veicoli posizionati nell’angolo cieco e segnala il traffico in avvicinamento veloce che potrebbe costituire un pericolo durante un cambio di corsia. Una spia arancione si accende nello specchietto dal lato interessato per allertare il pilota.