Condividi

NO MONEY NO MODELS!. IL NUMERO UNO DEL GRUPPO CHE CONTROLLA LOTUS PARLA DELL’AZIENDA. DOPO IL “CASINO” FATTO DA DANY BAHAR IL MARCHIO HA RIVISTO TUTTI I PIANI E SI E’ DATA NUOVI OBBIETTIVI. PER CONSOLIDARE LA RIPRESA, PRESTO ARRIVERANNO NUOVE VERSIONI DELLA GAMMA ESISTENTE.

Intervistato recentemente sullo stato attuale del marchio Lotus e sul prossimo futuro Tan Sri Mohd Khamil JamilAmministratore Delegato di DRB-HICOM, il Gruppo che controlla Lotus, ha delineato lo scenario prossimo futuro del marchio.

Caduta in grave dissesto a causa, probabilmente, dei piani anche troppo ambiziosi del vecchio gruppo dirigente, guidato da Dany Bahar, che aveva stabilito un piano di grandi investimenti della durata di 5 anni e con 5 nuovi modelli, è stato fortemente ridimensionato.

L’ultimo anno e mezzo è servito per definire lo scenario e risollevare il marchio da tutti i punti di vista: finanziario, tecnico, di immagine, marketing e prodotto.

Khamil ha detto che le nuove Lotus hanno beneficiato di molti miglioramenti e presto vedremo delle novità.

Per esempio, entro un mese dovrebbe uscire una nuova versione di uno dei modelli attualmente a listino: “non sarà un’auto che farà grandi volumi, ha dichiarato, ma rappresenterà un passo molto importante per il brand“.

Sarà la prima di una serie di nuove versioni su base Elise, Exige ed Evora che arriveranno nei prossimi mesi e che porteranno con sé migliore tecnologia, performance, qualità e gestione dei costi.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.