Condividi

ORGOGLIO NAZIONALE. IL CANADA VUOLE ACQUISIRE AUTOREVOLEZZA NEL MONDO AUTOMOBILISTICO. AL SALONE DI MONTREAL 2014 DEBUTTA LA DUBUC SUPER LIGHT TOMAHAWK, UN PROGETTO AMBIZIOSO CHE PUNTA ALLA LEADERSHIP TRA LE KIT CAR.

Il Salone dell’Auto di Montreal 2014, 17 – 25 gennaio 2014, ospiterà la prima mondiale di una nuova auto sportiva 2 posti secchi con motore centrale, interamente progettata e costruita nel Quebec.

La tradizione motoristica canadese, invero non così lunga e ampia, cerca il riscatto attraverso una serie di iniziative focalizzate nientemeno che sul settore più “difficile” e di nicchia: quello delle sportive.

La Dubuc Super Light Cars Tomahawk intende affermarsi come leader nel settore delle kit car proponendo un’auto estremamente facile e veloce da montare. Secondo il costruttore, per assemblare una Tomahawk è necessario un tempo inferiore di circa 8 volte rispetto alla concorrenza.

MECCANICA

La base di partenza è un telaio in alluminio da 136 kg di peso al quale viene agganciato / saldato un vestito in materiale plastico. Alla struttura di base sono agganciati componenti provenienti dalla Corvette, progetto C4: sospensioni, supporto per lo sterzo, canaline per l’alloggiamento della parte elettrica e abitacolo.

Il kit comprende anche carrozzeria, portiere con apertura a 75° di angolo, sedili, parabrezza, tetto rimovibile e specchi laterali. Secondo il costruttore il peso definitivo della Dubuc Super Light Cars Tomahawk è inferiore a 2.000 libbre (907 kg).

Mentre, di norma, l’assemblaggio di una kit car richiede tra le 1.500 e le 2.000 ore, Dubuc SLC è sicuro che per costruire una Tomahawk saranno necessarie appena 250 ore di lavoro.

PREZZI

Il kit comprendente carrozzeria e telaio costerà 19.995 dollari (circa 13.700 euro) al quale devono essere aggiunti i componenti meccanici, acquistabili sfruttando una Corvette C4 usata. Il prezzo complessivo per tutta la vettura (senza motore) non supera 30.000 dollari (20.500 euro).

Per il motore, Dubuc Super Light Cars afferma che è possibile utilizzare comodamente motori a benzina o elettrici. Per quanto riguarda quest’ultimo tipo di motorizzazione, il marchio è attualmente impegnato con la canadese TM4, esperta in propulsione elettrica, nella elaborazione di una soluzione ottimale per i clienti.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.