Condividi

Quando fantasia e creatività volano alto si possono anche immaginare e sognare modelli Ferrari come opere di OP ART!

“Op sta per Optical, come Pop sta per Popular”. E’ così che la Op Art (corrente d’arte astratta che ebbe  fortuna tra gli Anni 60 e 70 per poi ritornare di moda negli ultimi tempi), grazie all’illusione ottica che ci fa vedere  ciò che non c’è e immaginare di vedere ciò che invece c’è, ha consentito al designer tedesco e art director Wolfgang Seidl  in collaborazione con Florian Drahorad, leader creativo di RTT (società specializzata in high-end di visualizzazione 3D in tempo reale), di trasmettere la teoria e le idee di Op Art  a modelli Ferrari contemporanei come la 458 Italia, la 458 Spider, la California e la FF.

Non l’americano Andy Warhol ma l’artista franco-ungherese Victor Vasarely con i suoi schemi che contengono griglie, figure e numeri, hanno consentito a Mr. Seidl di realizzare capolavori dal sapore tecnologico e dal forte impatto visivo.

Quel qualcosa in più che trasforma la più famosa e desiderata supercar italiana nel mondo in un oggetto ancora più di culto, non più solo su strada o su pista.

A chi non piacerebbe tappezzare il proprio studio con una 458 Italia a righe gialle e nere o a “farsi andare insieme la vista” con l’enigmatica e optical California in black and white? Noi alziamo la mano.