Condividi

GRANDE, FORTE, PESANTE, RICCO DI OGNI BEN DI DIO. LA HYUNDAI SANTA FE 2.2 CRDi 4WD A/T IN PROVA PER 0-100 COSTA CIRCA 45.000 EURO MA E’ EQUIPAGGIATA CON PRATICAMENTE TUTTO QUELLO CHE SI PUO’ CHIEDERE. PRODUCE 197 CV E TANTA COPPIA (421 NM). COMODO, VERSATILE, CON UN BUON CONSUMO, INSEGUE I CULTORI DELLE AUTO DI SOSTANZA.

Il prodotto c’è, si vede e si percepisce: design massiccio, forme imponenti (forse con qualche tentativo di cercare una parentela stilistica con l’Audi Q7), dimensioni ciclopiche (è lungo 4.690 mm, largo 1.880 mm, alto 1.675) e solide, materiali di qualità, plastiche buone, disposizione dei comandi nel rispetto delle regole odierne dell’ergonomia. E tanto comfort di marcia. La presenza della Santa Fe è imponente e questo si riflette nella stazza: quasi 2 tonnellate di comfort, robustezza, silenziosità ed equipaggiamento.

La Hyundai Santa Fe è, di diritto, un SUV Premium. L’esemplare in prova è particolarmente fornito: sedili in pelle elettrici con supporto lobare a regolazione elettrica e riscaldamento (anche per i posti posteriori), un veloce ed efficiente sistema infotainment con navigatore satellitare, impianto audio, due prese 12V e una USB, climatizzatore automatico, cruise control, volante multifunzione, tetto apribile in cristallo, sistema keyless. E, infine, un baule gigantesco (peccato manchi il comando elettrico di apertura/chiusura).

La guida è fluida grazie alla presenza di un potente motore 2.2 Turbodiesel da 197 Cv a 3.800 giri e 421 Nm tra 1.800 e 2.500 giri, abbinato alla trasmissione automatica a 6 rapporti e trazione integrale T.O.D. (Torque On Demand).

Sul volante multifunzione, letteralmente ridondante di controlli, c’è anche la possibilità di variare il rapporto di demoltiplicazione per avere il volante ora più morbido da azionare, ora meno servoassistito.

La Hyundai più grande e imponente del mondo sembra studiata per le grandi autostrade americane. Infatti mancano i riduttori per le marce ridotte ma è presente il bloccaggio dei differenziali e l’utile Hill Descent Control. Come a dire questo transatlantico made in Korea predilige le grandi traversate ma lungo morbide rapide riesce a esprimersi al meglio. Lo abbiamo percepito distintamente sui percorsi di questo viaggio dove è importante avere un’erogazione corposa.

Esprime quella robustezza e solidità che aumentano la gratificazione e la percezione di un livello di sicurezza molto elevato. La guida risulta fluida lungo i grandi percorsi autostradali, come viaggiando sul classico velluto. All’occorrenza è capace anche di spunti molto interessanti sfruttando l’effetto kickdown: la coppia elevata, 421 Nm, crea spinte corpose. Ci sono, sulla Santa Fe, le prestazioni. Fino alla punta massima di 190 km/h.

In curva il comportamento è neutro nonostante il baricentro e il peso del corpo vettura elevati. La Santa Fe rimane sempre in una situazione di equilibrio, aiutata dalla trazione integrale “on demand” che assicura sempre una motricità ottimale e dalle grandi ruote in lega da 19″ con pneumatici da 235 mm di battistrada.

La frenata, infine, è convincente: potente, riesce a frenare le 2 tonnellate della Santa Fe con decisione.

Lungo tutto il test di 0-100.it, oltre 1.000 chilometri, abbiamo misurato un consumo medio di 10,7 l/100 in città, 8,1 l/100 km in autostrada e 6,9 l/100 km su strada statale. Complessivamente, il consumo medio misurato dalla lettura del computer di bordo è stato di 7,9 – 8 l/100 km.

IN CONCLUSIONE

Il listino dellla Hyundai Santa Fe comprende la poco appetibile versione 2.4 benzina e gli interessanti 2 e 2.2 litri Turbodiesel in allestimento Classic, Comfort o Style.

La versione 2.2 CRDi 4WD A/T in allestimento Style costa 41.600 euro ma sull’esemplare in prova c’è anche il Deluxe Pack (3.000 euro) e il tetto aprile elettrico (1.200 euro).

E’ certamente una cifra importante, certamente quasi la metà rispetto alle concorrenti tedesche con pari allestimento.

Resta da capire se una Hyundai possa definitivamente “albergare” nei vostri sogni di possedere un’auto Premium ricca di ogni possibile accessorio. Se il brand non è fondamentale nella scelta, allora un’auto così rischia di conquistarvi definitivamente.

prova-su-strada-hyundai-santa-fe-2-2-crdi-4wd-at-itinerario-2-michelangelo-la-verna-camaldoli_0-100_18

PROVA SU STRADA: con la Hyundai Santa Fe 2.2 CRDi 4WD A/T nella Terra di Mezzo

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.