Condividi

RIVOLUZIONE NEL “PIACERE DELLA GUIDA”? VIVIAMO IN UN’EPOCA DI “TENTATIVI” DI RIVOLUZIONE: L’ELETTRICO, L’IBRIDO, LA TURBOCOMPRESSIONE SULLE PORSCHE CARRERA, LA SHOOTING BRAKE IN FERRARI, I SUV SPORTIVI (BENTLEY, LAMBORGHINI…)… E, TRA ESSI, IL PIU’ AMBIZIOSO: LA GUIDA AUTONOMA PER MINIMIZZARE GLI ERRORI COMPIUTI DALL’UOMO. AL TOKIO MOTOR SHOW 2015, NISSAN PRESENTA IDS CONCEPT, UNA CONCEPT ELETTRICA CON UNA PARTICOLARE ATTENZIONE ALLA TECNOLOGIA CHE RENDE LA GUIDA UN’AZIONE SEMPRE PIU’ IN MANO E AL VEICOLO.

La Nissan IDS Concept concretizza il concept del Nissan Intelligent Driving grazie al quale le capacità visive, di ragionamento e di reazione di chi guida vengono migliorate. La IDS Concept è una berlina-monovolume-coupé con 4 posti, con carrozzeria in fibra di carbonio e motorizzazione interamente elettrica. Nissan non dà informazioni tecniche ma assicura di essere al lavoro per realizzare soluzioni propulsive che saranno in grado di uguagliare le percorrenze di un’auto a benzina.

PILOTA O PILOTA AUTOMATICO

Le modalità di guida della Nissan IDS Concept sono, fondamentalmente due; guida manuale, guida autonoma. E in base alla scelta, l’abitacolo implementa la corrispondente configurazione.

Questa berlina a passo lungo può accogliere comodamente quattro adulti.

In modalità automatica lo sterzo indietreggia verso il centro del quadro strumenti mentre i quattro sedili ruotano verso il centro dell’abitacolo illuminato da una luce soffusa lasciando così spazio ad un ampio schermo piatto.

Per una guida tradizionale, i 4 sedili tornano invece nella consueta posizione e lo sterzo, così come il quadro strumenti con navigatore in funzione on, ritornano visibili. Le luci non sono più soffuse ma di un bel blu che aiuta a stimolare la concentrazione di chi è al volante.

Per passare dalla modalità manuale ad automatica è sufficiente agire sul PD (Piloted Drive) Commander, un pulsante visibile tra i sedili anteriori.

Mentre in modalità manuale il conducente controlla ancora al 100% la sua vettura, attivando il sistema di guida autonoma Nissan IDS, lo stile di guida, pur non essendo direttamente gestito dal pilota, rimarrà allineato con il suo modo di condurre l’auto.

Non si lesina su accelerazioni e dinamicità ma, grazie alla funzione di assistenza per la sicurezza con sensori che monitorano le condizioni della strada e che si attiva in caso di pericolo a supporto del guidatore, l’intelligenza artificiale della vettura limiterà l’errore umano causa di più del 90% degli incidenti stradali.

Quest’auto del futuro, con carrozzeria in fibra di carbonio color argento/azzurro satinato e alta 1,380 mm circa, comunica anche con i pedoni; può infatti visualizzare messaggi tipo “dopo di te” così come segnalare la sua presenza grazie a una linea argentata laterale esterna che diventa rossa segnalando la propria presenza a ciclisti e/o pedoni nelle vicinanze.

Per ridurre al minimo resistenza e rollio, sono state scelte gomme molto sottili da 175 abbinate a cerchi di grande diametro e dal design originale che dà vita a piccoli vortici d’aria sul manto stradale in modo da assicurarne l’attrito.