Condividi

ROLEX REALE. PER I PRIMI 50 ANNI DEL ROLEX DAYTONA, ICONICO CRONOGRAFO AMBITO DA TUTTI GLI AMANTI DEL MARCHIO “CORONATO”, CHRISTIE’S METTERA’ ALL’INCANTO A GINEVRA IL PROSSIMO 10 NOVEMBRE UNA SELEZIONE DI 50 PEZZI MOZZAFIATO PRODOTTI TRA IL 1963 E IL 2003, ALCUNI DEI QUALI MAI BATTUTI PRIMA.

L’International Watch Department di Christie’s, per celebrare il 50° anniversario del cronografo Rolex Daytona, ha annunciato la sua prima vendita a tema in oltre un decennio: la Rolex Daytona | Lesson ONE.

A Ginevra, il prossimo 10 novembre 2013, verranno presentati ben 50 esemplari emblematici del Marchio svizzero che rappresentano e raccontano l’evoluzione del cronografo meccanico da polso più famoso della storia.

Per quest’asta Christie’s si è avvalsa della preziosa collaborazione di Pucci Papaleoco-curatore della vendita, un autorevole studioso ed esperto di Rolex Daytona che, tra le altre cose, ha pubblicato il libro piu’ esaustivo mai dedicato al mitico modello.

Il catalogo presenta alcuni dei modelli più rari di Daytona mai prodotti. Di alcuni di questi, la produzione complessiva ammonta a meno di dieci esemplari.

L’asta include anche alcuni pezzi indossati da personaggi molto noti del jet-set, musica, sport. Come il Rolex Daytona indossato dall’attore francese Jean-Paul Belmondo, dal chitarrista Eric “Slow hand” Clapton, dall’astronauta statunitense e membro dell’equipaggio dell’Apollo 7Walt Cunningham, dall’esploratore e scienziato polacco Janusz Kurbiel e dai piloti automobilistici Bobby Unser e David Brabham.

UN OMAGGIO ALLA TRADIZIONE

Le vicende del Rolex Daytona sono complesse e non permettono di stabilire una data di nascita ben precisa della famiglia di questo modello. Partendo dalle caratteristiche comuni ai cronografi sviluppati da Rolex, gli “studiosi” dell’argomento sono risaliti fino a individuare alcuni modelli che “possono” individuarne la genealogia. Si ritiene, quindi, che il  Rolex Daytona sia nato nei primi Anni 60 e, ancora più precisamente, nel 1963.

La vera rivoluzione nell’ambito della produzione di cronografi Rolex fu rappresentata dalla particolarità di essere il primo cronografo del marchio con la scala tachimetrica non più stampata sul quadrante ma sulla lunetta migliorandone la leggibilità e praticità.

Ai tempi, per altro, il “cronografo sportivo Rolex” non si chiamava ancora Daytona ma, semplicemente, “Cosmograph”. Questa serie fu costruita solo in acciaio.

Nel corso dei suoi primi 50 anni, oltre alle ovvie migliorie tecniche, è stato prodotto in diversi materiali oltre all’acciaio, come oro e platino, e con quadranti differenti senza mai perdere il suo spirito e fascino originario.

L’asta dedicherà un’attenzione particolare al primo modello in assoluto.

ALCUNI DEI LOTTI

The Arabian Night (stima 300.000-500.000 SFr., circa 244.260-407.100 euro)

E’ il top-lot dell’asta. Mai visto prima, è un raro e prezioso esemplare realizzato nel 1972 per Sua Maestà Qaboos Bin Said Al SaidSultano di Oman.

Soprannominato “Arabian Night”, è realizzato in acciaio inox e presenta a ore 12 sul quadrante di colore nero la sua firma autografa del Sultano in colore rosso.

Questo Rolex Oyster (Ref. 6263), chiamato non ancora Daytona ma, semplicemente “Cosmograph“, vede riportato quest’ultima dicitura in bianco sopra il contatore delle ore crono alle 6.

Venduto da Asprey, è accompagnato dalla sua scatola originale.

The Jack of Diamonds (stima: 180.000-280.000 SFr., circa 146.566-227.976 euro)

Un tripudio di diamantioro e zaffiri contraddistinguono questo modello (Ref.6269) con bracciale a maglie in oro.

Fabbricato nel 1988, è accompagnato da scatola di presentazione originale e certificato di garanzia.

The John Player Special Paul Newman (stima: 80.000-120.000 SFr., circa 65.136-97.794 euro)

Tra gli esemplari in asta da Christie’s ci sono una decina di Daytona Paul Newman nelle versioni in acciaio e oro 18kt. Negli Anni 70, l’attore usava farsi fotografare con questo modello declinato con quadranti diversi.

Fabbricato nel 1969 circa, questo modello Paul Newman (Ref.6241) è realizzato in oro 14 kt, mostra un quadrante nero e un bracciale in oro.

The Jean-Paul Belmondo Daytona (stima: 60.000-120.000 SFr., circa 48.852-97.794 euro)

Del 1971 circa, è un Rolex Oyster Cosmograph in acciaio inox (Ref. 6263) con quadrante neroscritta Daytona in rosso sopra il contatore cronografico delle ore alle 6 e bracciale.

E’ stato indossato sul set di alcuni film famosi tra cui “Peur sur la ville” girato nel 1975 (ben visibile sulla locandina del film).

The White Rainbow (stima: 50.000-80.000 SFr., circa 40.710- 65.136 euro)

Questo sontuoso e appariscente Rolex Oyster Perpetual, uno dei modelli più rari della storia Rolex contemporanea, mostra a ore 6 colorata di rosso la dicitura Daytona.

Si tratta di uno spettacolare esemplare in oro bianco arricchito sulla lunetta da zaffiri colorati a evocare l’arcobaleno e da 8 diamanti su alcuni degli indici presenti sul quadrante a indicare le ore (a ore 1, 3, 4, 5, 7, 8, 10, 11).

E’ un esemplare con bracciale in oro bianco, (Ref. 116599), prodotto nel 2012 circa, accompagnato da box originale e certificato di garanzia.

The Choco-line Grené (stima: 40.000-80.000 SFr., circa 32.568-65.136 euro)

Curioso esemplare di Rolex molto raro realizzato nel 1963, con Ref. nr. 6239. Mostra un quadrante bianco ed è caratterizzato dai 3 classici contatori cronografici in colore marrone. La lunetta con scala tachimentrica è calibrata per 300 unità.

The FAP Military Oyster Cosmograph (stima: 20.000-40.000 SFr., circa 16.284-32.568 euro)

Modello Oyster Cosmograph del 1974 circa (ref. 6263), realizzato in acciaio inox vanta una storia molto interessante: è stato prodotto per la Air Force peruviana.

Nero dial incorporating “Chocolate” subsidiary registers (stima: 15.000-30.000 SFr., circa 12.213- 24.426 euro)

Cronografo Rolex (ref. 16520) contraddistinto da un quadrante nero con i profili dei 3 contatori cronografici colorati in marrone. Del 1994, è provvisto di scatola di presentazione e certificato.