Condividi

CORRERE SULLE ALTE VIE. LA 4K ALPINE ENDURANCE TRAIL VALLE D’AOSTA, CHE SI CORRERA’ ALLE PENDICI DELLE 4 VETTE PIU’ ALTE DELLE ALPI, SI PREANNUNCIA COME  LA PIU’ DURA E INNOVATIVA SFIDA DI ENDURANCE TRAIL AL MONDO. UN PERCORSO “ESTREMO” IMMERSI NELLA NATURA CHE VEDRA’ COINVOLTI 605 ATLETI (542 UOMINI, 63 DONNE) PROVENIENTI DA 30 PAESI.

Il 4K Alpine Endurance Trail Valle d’Aosta è un evento di endurance trail running che si svolgerà dal 3 al 9 settembre 2016 alle pendici delle quattro vette più alte delle AlpiMonte Bianco, Monte Rosa, Cervino e Gran Paradiso.

Si tratta di un percorso ad anello di 350 chilometri (oltre 25.000 metri di dislivello positivo) con partenza e arrivo a Cogne, nel cuore del Parco Nazionale del Gran Paradiso. Si snoderà in senso orario lungo le Alte Vie n. 1 e n. 2 con passaggi tra i 300 e i 3.300 metri di altitudine slm.

Il percorso, oltre al Forte di Bard, toccherà località come La Thuile, Courmayeur, Breuil-Cervinia, Champoluc, Gressoney e Cogne.

La sfida, che si correrà in regime di semi-autosufficienza e che avrà come testimonial Bruno Brunod, primo campione del mondo di skyrunning e Francesca Canepa, Vice campionessa del Mondo World Series 2013, è rivolta ai migliori runner del panorama mondiale di età non inferiore ai 21 anni.

Al fine di garantire la massima sicurezza (ramponcini obbligatori previsti nel pacco gara), verrà fornito a ciascun atleta un GPS satellitare, dall’autonomia di una settimana, che assicurerà la totale copertura a ogni sportivo per l’intera durata della competizione in qualunque condizione climatica. In caso di maltempo, saranno comunque previsti dei percorsi alternativi.

Da sottolineare il massimo rispetto per l’ambiente che, come anche previsto nella carta etica dell’International Trail-Running Association (ITRA), prevede per la manifestazione l’utilizzo di materiale di tracciatura ecologico, di materiali riciclabili e biodegradabili e, non ultima, la raccolta differenziata dei rifiuti presso tutti i punti ristoro e i campi base.

ALCUNE CURIOSITA’

Dopo circa 20 chilometri di percorso, si raggiungerà, con il Col Lauson, l’altezza massima di 3.313 metri.

I passaggi più impegnativi, che la maggior parte dei partecipanti attraverserà in notturna, saranno il Col Crosatie ( 2.829 metri ) e il Passo Alto (2.857 metri) passando dal Promoud (2.021 metri).

L’ultimo ostacolo, verso la fine della gara, sarà un ribasso a 302 metri sul mare (Donnas e Bard) subito seguito da una risalita sino ai 2.800 per Champorcher.

Il percorso di 350 chilometri, i cui sentieri sono percorribili in qualunque momento dell’anno anche durante le giornate di gara, consentirà a ciascun runner di fare solo dei microsonni per un totale complessivo di 12 ore di riposo in 6 giorni di gara.

Sotto data, sarà disponibile un’app dedicata al 4K per seguire tutte le news in diretta su smartphone.