Condividi

2002-2013: RAGGIUNTA QUOTA 500.000. MEZZO MILIONE DI PORTAEREI A 4 RUOTE HANNO INVASO IL MONDO. UNA RIPROVA DELLA QUALITA’ DELL'”ELETTRODOMESTICO” SPORTIVO PORSCHE.

Quando la prima Porsche Cayenne uscì dalla catena di montaggio nello stabilimento di Lipsia nel 2002, nessuno poteva prevedere il gran successo che questo sportivo SUV della Casa di Stoccarda avrebbe riscosso.

Una vettura senza dubbio esaltazione del compromesso tra sportività, lusso e comodità. Ma che Porsche ha risolto in modo mirabile producendo un’auto di grande fascino e che ha saputo conquistare tutti.

Un “pachiderma” su 4 ruote che domina l’asfalto e, disponibile in diverse versioni (dalle 2 tonnellate della Porsche Cayenne 3.6 da 300 Cv e 61.000 € alle 2,2 tonnellate della Porsche Cayenne Turbo S da 550 Cv e 155.000 €), che soddisfa sia chi desidera semplicemente avere l’onore di mostrare il prestigioso logo Porsche, sia chi ama il viaggiare comodo e in sicurezza consumando “quasi poco”.

Sia chi, infine, ama volare a 280 orari costanti su un’autobahn tedesca, è un convinto praticante della guida sportiva con un veicolo SUV (per, lui, infatti, c’è la Cayenne GTS) o è ambientalista convinto e ha trovato, nella Cayenne S Hybrid, il modo per entrare nei centri storici anche durante un blocco del traffico.

Si è partiti producendo circa 70 unità al giorno per arrivare a produrne oggi 5 volte tanto grazie alla forte richiesta.

Basti pensare che, nel 2012, sono state consegnate, in più di 125 Paesi, oltre 83.000 Cayenne.

La Cayenne nr. 500.000 consegnata è una Diesel S di colore bianco equipaggiata con il V8 da 382 Cv (model year 2014, emissioni di CO2 : 270 g / km a 189 g / km, il consumo di carburante (combinato): 11,5 l/100 km a 7,2 l/100 km).

L’impianto di produzione di Lipsia, come noto, produce anche il coupé 4 sportivo Panamera e, presto, metterà in produzione anche il nuovo SUV medio sportivo Macan, basata sulla meccanica dell’Audi Q5 ma con motori molto più potenti.