Condividi

TRIPLICE ALLEANZA. LA CAYENNE ENTRA NELLA TERZA GENERAZIONE. IL PACHIDERMICO SUV TEDESCO, AMALGAMA DI FUORISTRADA / AUTO SPORTIVA / BERLINA DI LUSSO, E’ LEGGERMENTE PIU’ LEGGERO (-84 KG IN MEDIA) E ANCORA PIU’ RICCO DI TECNOLOGIA. DEBUTTANO L’ASSE POSTERIORE STERZANTE, NUOVA TIPOLOGIA DI FRENI, BATTERIA AL LITIO DI SERIE. SI INIZIA, IN LISTINO, CON CAYENNE E CAYENNE S.

Porsche presenta al salone di Francoforte 2017 la terza generazione della Cayenne. L’ultima evoluzione del grande SUV di Stoccarda, in listino ormai dal 2004, presenta al pubblico numerose novità tecniche che, secondo il costruttore, producono un vero salto di qualità rispetto al modello precedente.

DESIGN

La Cayenne mantiene lo stesso passo (2.895 mm) ma è cresciuta in lunghezza di oltre 6 centimetri e si è abbassata di quasi 1 centimetro. Misura 4.918 mm, con 1.983 di larghezza, offrendo un bagagliaio che, in configurazione standard, produce 770 litri, ben 100 litri in più.

La forma della Cayenne continua a proporre il grande muso affilato, dove ora grande calandra e prese d’aria laterali (maggiorate), producono un’unica superficie di ingresso per il flusso diretto ai radiatori. Posteriormente spiccano le luci sottili inserite in un unica fascia luminosa che percorre tutto il portellone.

MOTORE E TRASMISSIONE

Al debutto il listino si compone di Cayenne e Cayenne S. La prima versione è equipaggiata con un V6 turbo 3 litri di origine Volkswagen da 340 Cv e 450 Nm di coppia massima. La Cayenne S, invece, utilizza un V6 biturbo da 2,9 litri per 440 Cv e e 550 Nm.

Entrambe utilizzano una nuova tipologia del cambio automatico Tiptronic S a 8 marce con funzionamento più veloce e rapporti modificati (più corti quelli delle marce alte, più lunga l’ottava) e trazione integrale PTM.

TELAIO

Grazie all’ancora più esteso utilizzo di alluminio per scocca e carrozzeria, il peso della Cayenne è diminuito mediamente di oltre 80 kg (si segnala anche l’utilizzo di una batteria al litio che toglie ulteriori 10 kg). Ora la Casa Madre dichiara che il peso a vuoto è sceso da 2.040 a 1.985 kg nonostante un allestimento molto più ricco.

Lo schema sospensivo conserva l’architettura anteriore con schema a bracci indipendenti e posteriori multilink, coadiuvati da un largo utilizzo di elettronica. Sono infatti disponibili ammortizzatori a controllo elettronico PASM (di serie su Cayenne S), stabilizzatore di rollio opzionale Porsche Dynamic Chassis Control (PDCC), sistema di regolazione del telaio Porsche 4D-Chassis-Control e, per la prima volta, asse posteriore sterzante come sulla 911.

Viene inoltre, introdotta, una nuova tipologia di freni, il  Porsche Surface Coated Brake (PSCB), che consiste in un treno di dischi in ghisa ma rivestiti con carburo di tungsteno che migliora l’attrito, riduce la formazione di polveri e l’usura. Si contraddistingue per le pinze-freno in colore bianco. Sarà in seguito disponibile, naturalmente, il PCCB con dischi in carboceramica e pinze gialle.

La nuova Cayenne, infine, monta ruote da 19″ che possono aumentare fino a 21″ attingendo al catalogo accessori.

PRESTAZIONI E CONSUMI

Secondo Porsche la Cayenne scatta sullo 0-100 in 6″2 (5″9 se equipaggiata con il pacchetto Sport Chrono) e raggiunge 245 km/h. Il consumo medio dichiarato è variabile tra 9 e 9,2 l/100 km ( emissioni di CO2 209 – 205 g/km).

La Cayenne S percorre lo 0-100 in 5″2 (4″9 con Sport Chrono) e 265 km/h di velocità massima, con un consumo medio di 9,2/9,4 l/100 km (emissioni di CO2 213 – 209 g/km).

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.