Condividi

CHE CONFUSIONE (SARA’ PERCHE’ TI AMO). FERRARI PRESENTERA’ A GINEVRA LA GTC4LUSSO, IL RESTYLING DELLA FF SHOOTING BRAKE. LA NUOVA VERSIONE E’ STILISTICAMENTE MOLTO RINNOVATA, AL PUNTO CHE LA NUOVA DENOMINAZIONE RINNEGA COMPLETAMENTE LA PRECEDENTE E CERCA STRANE CORRISPONDENZE CON MODELLI PASSATI (PEGGIO: NEL COMUNICATO STAMPA NE CITA ALTRI, DIVERSI!). 690 CV, TRAZIONE INTEGRALE, QUATTRO RUOTE STERZANTI, 1.790 KG (A SECCO), 0-100 IN 3″4.

Sul comunicato ufficiale si legge “Già nel nome la vettura richiama illustri predecessori come la 330 GTC o la sua versione 2+2″ [la 330 GT 2+2 n.d.r.]. La passione e la cultura per le belle auto, dunque, ci spinge a iniziare da un’osservazione.
Premessa: la lettura del lettering della targa porta senza dubbio a scindere il nome in due parti, “GTC4” e “Lusso“. Detto questo:

  • GTC4 ci ricorda immediatamente la 365 GTC/4Gobbone” del 1971.
  • Lusso richiama senza dubbio la 250 GTL del ’64.

STILISTICAMENTE MOLTO DIVERSA

La Casa di Maranello presenta il restyling della Ferrari FF ma, evidentemente, cerca di imporre un netto salto di qualità, almeno stilistica, rispetto al modello precedente. Rispetto alla quale la nuova Shooting Brake, pur conservando la forma tipica di una coupé 2 porte con volume posteriore “allungato”, presenta forme alquanto differenti.

Il frontale, innanzitutto, si caratterizza per la differente forma del cofano e il tratto più marcato dei contorni della calandra, ora molto più grande e priva di bocchette laterali a cornice. Rivendica, con questo nuovo stile, una maggiore somiglianza con la F12Berlinetta. Sulla fiancata si notano numerosi particolari: il grande sfogo d’aria dietro il passaruota anteriore (ispirato alla 330 GTC di metà Anni 60), la grande scalfatura che crea una profonda rientranza della carrozzeria nella parte bassa, la differente maniglia, il nuovo andamento del passaruota e l’inedita forma del vetro laterale posteriore. In coda, infine, si nota la grande palpebra che percorre il posteriore per la sua larghezza, i 4 fari gemellati, il lunotto più spiovente, lo spoiler superiore e la differente forma dell’estrattore, che circonda anche il differenziale posteriore creando una calotta di generose dimensioni.

La nuova Ferrari GTC4Lusso è leggermente più grande rispetto alla FF: 4.922 contro 4.097 mm in lunghezza, 1.980 contro 1.953 mm in larghezza, 1.379 contro 1.383 in altezza. Dichiara, tuttavia, lo stesso peso a secco: 1.790 kg.

MOTORE

Il motore V12 da 65° aspirato da 6,2 litri è stato leggermente ottimizzato: ora eroga 690 Cv a 8.000 giri (contro i precedenti 660 a 8.000 giri) e la coppia massima è di 697 Nm a 5.750 giri.

Il motore è abbinato a trazione integrale permanente 4RM Evo, brevetto Ferrari, e cambio a doppia frizione. Ora le 4 ruote motrici sono abbinate alle quattro ruote sterzanti (sistema di controllo 4RM-S), un accorgimento che migliora ancora di più le qualità dinamiche.

ELETTRONICA

Per garantire a cotanta meccanica un funzionamento “ottimizzato” per 4 persone, la nuova Ferrari famigliare dispone di un corredo tecnologico all’avanguardia, migliorato rispetto alla FF: differenziale elettronico (E-Diff), ammortizzatori con controllo elettronico SCM-E e controllo di stabilità Slip Side Control giunto alla versione 4.0.

PRESTAZIONI

Secondo il costruttore la Ferrari GTC4Lusso vola sullo 0-100 in 3″4 e tocca 335 km/h.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.