Condividi

IL TOCCO MAGICO. CON 10 CAVALLI IN PIU’, 20 KG IN MENO (NON ERA MEGLIO 100?) E UNA SERIE DI MODIFICHE ESTETICHE DELICATE MA PRECISE, ASTON MARTIN CREA LA V8 VANTAGE N430, PIU’ SECCA E GENUINA PER LA GUIDA SPORTIVA. 0-60 (MIGLIA!) IN 4,6 SECONDI.

Certe volte può bastare poco per trasformare un modello già con caratteristiche eccezionali in una fonte ancora più “potente” di emozioni. E’ su questa base che Aston Martin presenta a Ginevra 2014 l’ultimo modello nato sulla V8 Vantage. Denominato N430 celebra l’heritage sportivo Aston Martin e la sua intensa attività nel motorsport.

l’Aston Martin V8 Vantage N430 si ispira alla versione che corre nella serie GT4, da cui riprende alcune caratterizzazioni estetiche (la colorazione verde con profili gialli, optional, rende omaggio anche alla favolosa barchetta CC100 e alla gloriosa DBR1 del ’59) e pochi ma significativi ritocchi di meccanica.

L’8 cilindri 4.7 viene potenziato da 430 a 440 Cv. E’ abbinato al cambio meccanico a 6 rapporti oppure (a richiesta) con il meccanico robotizzato Sportshift™ II con 7 marce.

Altre modifiche riguardano una diversa (più sportiva) taratura delle sospensioni, sterzo ricalibrato, scarico sportivo e un alleggerimento generale di 20 kg.

L’estetica è stata personalizzata con griglia anteriore in nero opaco, ruote in lega verniciate in colore grafite e cornici dei vetri e dei fari in colore nero opaco. Della stessa tinta sono anche i terminali di scarico.

All’interno la personalizzazione comprende placche in fibra di carbonio sui brancardi, logo N430 sui sedili, paddle in nero magnesio o leva del cambio in fibra di carbonio, parte centrale dei sedili e pannelli porta in Alcantara Plissé, volante in pelle con cucitura a contrasto (si trova anche su plancia, sedili e tunnel), pedaliera nera, inserti in fibra di carbonio sulla plancia.

Aston Martin dichiara che la V8 Vantage N430 percorre lo 0-100 in circa 4″6 e tocca 190 miglia orarie (321 km/h).

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.