Condividi

L’MP4-12C NON E’ MAI STATA COSì AFFASCINANTE! A UNA MECCANICA ECCEZIONALE LA MCLAREN MP4-12C HA SEMPRE ABBINATO UN DESIGN POCO CONVINCENTE. LA NUOVA 650S, CON IL FRONTALE DELLA STRAORDINARIA P1, CAMBIA COMPLETAMENTE LE CARTE IN TAVOLA.

La McLaren 650S è pronta per il debutto al Salone di Ginevra 2014. Come già anticipato nelle ultime ore, la nuova berlinetta di Woking prende tutto il meglio dell’MP4-12C e della P1 presentandosi come un nuovo punto di riferimento per prestazioni, equipaggiamento e “bellezza”.

La sua denominazione è presto spiegata: 650 (potenza del motore) e “S” (“Sport”) alludono a un progetto che vuole ridefinire i parametri di questa nicchia di sportive.

Disponibile in versione Coupé o Spider con tetto metallico ripiegabile, la 650S monta il noto motore M838T, il V8 3.8 biturbo che, rispetto alla MP4-12C, guadagna quasi 130 Cv.

DESIGN

Le forme della 650S, chiaramente ispirate alla P1, descrivono il nuovo linguaggio stilistico delle McLaren stradali. Il musetto della Mclaren P1, le nuove prese d’aria davanti ai parafanghi posteriori e l’aerodinamica modificata in coda (con una nuova ala McLaren Airbrake) definiscono una carrozzeria ancora più efficiente dal punto di vista aerodinamico rispetto alla MP4-12C.

E’ inoltre equipaggiata con nuove ruote in lega a cinque razze, con un disegno inedito, e pneumatici Pirelli PZero Corsa.

DI SERIE, A RICHIESTA

La McLaren 650S è equipaggiata di serie con ammortizzatori con controllo elettronico ProActive Chassis Control (PCC), bluetooth, navigatore satellitare IRIS, radio satellitare digitale SIRIUS. Tra gli accessori figurano l’abitacolo completamente rivestito in fibra di carbonio, colonna dello sterzo regolabile elettricamente, sedili fissi con guscio in fibra di carbonio e telecamera posteriore per il parcheggio.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.