Condividi

Lo IED di Torino, presente al Salone di Ginevra 2012, reinventa una delle auto più iconiche e rappresentative della storia dell’automobilismo italiano. La leggendaria Cisitalia 202 (superbamente interpretata da Pininfarina, Vignale e Castagna), dopo un oblio di 70 anni ritrova la luce almeno nelle idee futuristiche dell’Istituto Europeo di Design.

Nell’ambito del Master of Arts in Transportation, undici studenti coordinati Luca Borgogno, Lead Designer Pininfarina e da Luigi Giampaolo, Designer Maserati, hanno avuto il placet di Alberto Díaz Lima, Presidente e CEO della Cisitalia Holding SA, per ridare lustro a una grande automobile del passato.

La Cisitalia 202 E (“evoluzione”) riparte dalla storica coupé creata da Carlo Dusio alla fine degli Anni 40 e la trasporta nel nuovo millennio ipotizzando per lei una nuova primavera tra i grandi marchidi oggi. Le sue dimensioni (lunghezza 4270 mm – larghezza 1850 mm – altezza 1240 mm – passo 2650 mm) le restituiscono quell’immagine di compattezza che le si addice. A partire dalle forme del modello di Pininfarina del ’47, la squadra di designer si è concentrata sulla griglia frontale e sul particolare baule posteriore, attualizzandoli.

Secondo i designer dello IED, ospiterebbe una tipica meccanica da Gran turismo all’italiana: motore anteriore (si pensa a un V8 da 450 Cv) e trazione posteriore.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.