Condividi

A PROVA DI STUPIDO! CONTINENTAL STA STUDIANDO L’AMPLIAMENTO DELLE FUNZIONALITA’ DEI SENSORI INSERITI NEI PNEUMATICI. NEL 2017 LE GOMME SARANNO IN GRADO DI AVVISARE QUANDO IL BATTISTRADA E’ TROPPO CONSUMATO E SARA’ NECESSARIA LA SOSTITUZIONE.

Continental sta lavorando a un innovativo servizio di monitoraggio della qualità dello pneumatico. Il sensore di monitoraggio della pressione (introdotto sui pneumatici Continental nel 2002) sarà in grado (debutto entro il 2017) di rilevare lo spessore del battistrada e avvisare il guidatore della necessità di sostituire le gomme.

Il sistema utilizza le funzionalità di un software che, analizzando le informazioni provenienti dai sensori “annegati” nelle gomme, sarà in grado di rilevare cambiamenti significativi nelle caratteristiche di rotolamento.

PNEUMATICO: COMPONENTE FONDAMENTALE

Il componente più importante di tutta l’automobile, si sa, deve avere sempre caratteristiche di funzionalità al 100% del suo potenziale. Un errato gonfiaggio o un insufficiente spessore del battistrada creano conseguenze dannose per il veicolo (minore tenuta di strada, allungamento degli spazi di frenata, rischio di comportamenti imprevedibili del corpo vettura in situazioni di emergenza).

Nondimeno bisogna osservare che se l’auto sta viaggiando con pneumatici sgonfi consuma di più ed emette maggiori emissioni.

LA LEGISLAZIONE

Non a caso la legislazione impone che i pneumatici vengano sostituiti quando il battistrada raggiunge uno spessore minimo (1,6 millimetri). I costruttori di pneumatici, dal canto loro, hanno fornito i loro prodotti di TWI (tread wear indicators: indicatori di usura del battistrada), piccole creste tra le scanalature del battistrada che indicano quando è stato raggiunto lo spessore minimo consentito per legge.

La legislazione europea, comunque, ha stabilito che, a partire da novembre 2014, tutte le vetture di nuova immatricolazione appartenenti alla categoria M1 ( veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente), dovranno essere equipaggiate di serie con sensore di monitoraggio della pressione.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.