Condividi

QUELLE STRANE OMONIMIE. L’IMPRENDITORE E APPASSIONATO DAVID BROWN (MA NON SI CHIAMAVA COSI’ IL DEUS-EX-MACHINA DEGLI ANNI MIGLIORI DELL’ASTON MARTIN?!?) ERA FORTEMENTE DELUSO DALLE “SOLITE” AUTO SPORTIVE. ALLORA HA DECISO: SE LA COSTRUISCE DA SOLO. IL MARCHIO DAVID BROWN AUTOMOTIVE PRESENTERA’ LA PROJECT JUDI IL PROSSIMO APRILE. STILE E IMPOSTAZIONE CLASSICA, TECNOLOGIA MODERNA.

Il prossimo aprile debutterà sul mercato britannico un nuovo marchio automobilistico sportivo. L’imprenditore di successo e grande appassionato d’auto David Brown, fondatore della David Brown Automotive, ha deciso di dare una “scossa” al settore con un’automobile che, promette, ridefinirà il concetto di auto sportiva.

Ad assisterlo c’è un team di designer guidato da Alan Mobberley, Chief Designer Land Rover per 19 anni fino al 2005 e, per la consulenza ingegneristica, Envisage Group.

UN PROGETTO TUTTO NUOVO

David Brown ha voluto un’auto che partisse da un foglio bianco. Non gli interessava costruire una macchina che potesse essere classificata come un aggiornamento di qualche modello già esistente ma un’automobile completamente nuova, con uno stile inedito sia per la carrozzeria sia per l’abitacolo.

David Brown: “volevo una macchina che avesse lo stesso impatto di un’auto sportiva di impostazione classica ma con tecnologia e capacità dinamiche decisamente moderne. Questo è quello che cerco in un auto. Ma non è qualcosa che i marchi automobilistici di oggi veramente sanno offrire. Allora ho deciso: me la costruisco da solo”.

Ancora nota come Project Judi, sarà presentata il prossimo aprile e venduta in serie limitata. Sarà una combinazione di stile classico con un’architettura ultra moderna per tecnologia, comfort e finitura. E, soprattutto, con prestazioni elevate.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.