Condividi

COME SIAMO CADUTI IN BASSO. LO STATO DEL MERCATO DELL’AUTO SPORTIVA DA COLLEZIONE  E’ TUTTO NEL COMUNICATO STAMPA DEL TUNER / CUSTOMIZZATORE DMC PER LA POSSIBILE DMC FERRARI LAFERRARI FXXR: “POSSEDERE UNO DEI 499 ESEMPLARI DELLA LAFERRARI POTREBBE NON ESSERE SUFFICIENTE E ALCUNI CLIENTI POTREBBERO DESIDERARE QUALCOSA IN PIU’, QUALCOSA DI DIVERSO“. LA VERITA’ E’ CHE ORMAI IL SINONIMO DI “VETTURA DA COLLEZIONE” E’ TALMENTE ABUSATO DA ESSERSI PRATICAMENTE PERDUTO.

La factory tedesca DMC immagina un programma di personalizzazione per la Ferrari LaFerrari. L’Hyper car ibrida di Maranello immagina di prendere il nobile pedigree di alcuni mostri sacri della storia della Rossa, la 250 GTO (recentemente un esemplare è stato aggiudicato per 52 milioni di dollari), della favolosa F40 e di giocattoli come la Ferrari FXX e di creare una miniserie di esemplari unici.

L’obbiettivo di DMC sarebbe quello di mantenere il design di base della LaFerrari ma di renderlo molto più aggressivo con alcuni interventi mirati sulla carrozzeria.

Sul frontale DMC immagina di eliminare l’elemento centrale verticale incastonato nel musetto e modificare le prese d’aria creando l’impessione stilistica di un’unica grande bocca di ingresso per l’aria. Dal centro partirebbe un motivo stilistico a V che si proietta fino alla base del parabrezza rendendo i parafanghi anteriori stilisticamente indipendenti.

al lato dello scudo paraurti sarebbero ricavati nuovi condotti e applicati baffi aerodinamici con funzione convogliatrice dei flussi.

Sulle fiancate verrebbero “aperte” numerose prese d’aria, con particolare attenzione a nuovi elementi per i freni. Dietro i finestrini laterali, verrebbero posizionati due larghi flap con funzione aerodinamica.

In coda, infine, ci sarebbe posto per un grande alettone regolabile. Ma anche nella parte bassa si potrebbero effettuare alcune modifiche: nuovo estrattore e terminali di scarico neri in luogo degli elementi di serie in finitura cromata.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.