Condividi

MUSO A FORCHETTA O A TRICHECO? QUEI FURBACCHIONI DEGLI INGLESI DANNO L’INIZIO DELLO SLALOM SPECIALE TRA I PALETTI DEL REGOLAMENTO DELLA NUOVA FORMULA 1 E SI BECCANO ANATEMI E MALEDIZIONI DA PARTE DI TUTTA LA CONCORRENZA. QUEL MUSETTO COSI’ ORIGINALE NON SEMBRA ESSERE TOLLERATO.

Lotus, che non partecipa ai test invernali sulla pista di Jerez in preparazione alla stagione di F1 2014, ha presentato la sua vettura, la E22.

Mancano i dettagli ufficiali della vettura, motorizzata Renault, ma si possono fare ampie digressioni tecniche sul design “sconvolgente” (dal punto di vista tecnico) che riguarda il musetto anteriore.

Il team guidato dal Direttore Tecnico Nick Chester ha infatti elaborato una particolare foggia: il musetto, nella parte finale dell’anteriore, si divide, letteralmente in due piccole zanne dove la più lunga è, effettivamente, il musetto principale mentre l’altra è solo un’appendice secondaria.

L’effetto aerodinamico, in ogni caso, non è indifferente: questa forma, che ricorda vagamente quella della Mercedes F1 W05, permette di convogliare un buon quantitativo d’aria verso il fondo della vettura e il diffusore posteriore.

Nick Chester: “Abbiamo superato tutti i crash test e siamo fiduciosi che il nostro musetto rispetti al 100% il regolamento tecnico FIA per il 2014. Abbiamo, semplicemente, adottato una soluzione più innovativa, differente rispetto agli altri team. Siamo tranquilli e restiamo concentrati su questo nuovo design e sui preparativi per la stagione

Lotus F1 sta completando lo sviluppo “statico” della macchina e sarà probabilmente presente ai test del Bahrain il prossimo 19 febbraio.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.