Condividi

ATTO DI FORZA. SAAB DICHIARO’ FALLIMENTO NEL DICEMBRE 2011 MANDANDO IN FUMO UNA STORIA NOBILE E DI SUCCESSO. DOPO DUE ANNI LA PRODUZIONE RIPRENDE A TROLLHATAN. SI RIPARTE DA DOVE ERAVAMO RIMASTI: DALLA SAAB 9.3. NEL 2014 CI SARA’ UNA VARIANTE CON MOTORE ELETTRICO.

Dopo due anni di stop riprende la produzione del marchio SAAB nello storico stabilimento produttivo di Trollhatan, a nord di Goteborg.

A partire dal prossimo lunedì 2 dicembre 2013 le attività riprendono con la produzione della Saab 9-3.

Risale all’aprile 2011 la produzione dell’ultimo esemplare, in un periodo in cui l’azienda versava in difficili condizioni finanziarie. Infatti il marchio SAAB, finito in quei mesi nelle mani del brand olandese Spyker, il successivo mese di dicembre dichiarò fallimento.

Acquistata da National Electric Vehicle Sweden nel corso del 2013, lo scorso agosto la storica azienda automobilistica svedese era fuori dal fallimento.

Nel mese di settembre è ricominciata la “pre-produzione” di alcuni esemplari per ricalibrare tutte le infrastrutture produttive ed effettuare necessari test di dinamici e di affidabilità. Ora è tutto pronto per l’inizio dell’assemblaggio dei modelli definitivi. Circa 350 dipendenti sono attualmente in forza nell’impianto produttivo.

PIATTAFORMA PHOENIX

La ripresa dell’assemblaggio delle Saab 9-3 segue quasi interamente il progetto in forze prima dell’interruzione dell’attività nel 2011. Viene, dunque, utilizzata la stessa piattaforma Phoenix sulla quale sono stati effettuati alcuni adattamenti per sostituire il 20% dei componenti, precedentemente forniti da General Motors (precedente proprietario di Saab).

UN MODELLO ELETTRICO PER LA CINA

NEVS ha annunciato che nel 2014 inizierà la commercializzazione di una variante della Saab 9-3 (con alcuni aggiornamenti stilistici) equipaggiata con motore elettrico e che verrà venduta inizialmente sul mercato cinese ed europeo.

NATIONAL ELECTRIC VEHICLE SWEDEN

NEVS è controllata da National Modern Energy Holdings di Hong Kong, società appartenente all’imprenditore cino-svedese Kai Johan Jiang. Il 22% di NEVS appartiene al comune cinese di Qingdao.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.