Condividi

Il marchio inglese presenta al Salone di Ginevra la nuova Exige S Roadster. Si tratta del modello Gran Turismo della gamma che, rispetto alla Exige S presentata lo scorso settembre a Francoforte, regala le sensazioni tipiche della guida a cielo aperto. Il tetto, infatti, è un leggero “foglio” di tessuto che può essere agilmente rimosso e trasformare l’Exige in una spider tipo Targa.

Il pedigree Lotus c’è tutto sebbene questo modello sappia dissimulare la sua natura sportiva estrema grazie a una maggiore ricercatezza nello stile e nell’equipaggiamento dell’abitacolo, finemente rivestito in pelle.

Dal punto di vista meccanico è identica alla versione chiusa: scocca in alluminio, motore V6 3.5 con compressore sistemato posteriormente in posizione centrale-trasversale. Il cambio è un classico manuale meccanico a 6 marce. Altrimenti si può optare per il semiautomatico Serial Precision Shift a 6 rapporti. L’assetto risponde pienamente alle esigenze della guida su strada ma se il cliente di un modello frequentasse i track day il Race Pack fornisce una configurazione più spinta per un handling ancora migliore.

Accreditata di un peso di soli 1.060 kg (come la Exige S), brucia lo scatto sullo 0-100 in soli 4″, lo 0-160 in 8″5 (ma nello stesso tempo la Ferrari F12berlinetta è già a 200) e tocca 233 km/h di punta massima.

Le informazioni ufficiali rilasciate dal costruttore indicano che il consumo è pari a 14,5 l/100 km nel ciclo urbano, 7,6 in quello extra urbano e 10,1 litri nel ciclo misto, con emissioni di CO2 di 236 g/km.

Lotus Evora GTE Carbon Edition
E’ un trionfo di fibra di carbonio, materiale utilizzato per ogni angolo visibile della macchina, sia la carrozzeria, sia gli interni. Ed è un omaggio all’impegno Lotus nel mondo della Formula 1, dove la sua livrea nero e oro ha fatto storia. Il V6 3.5 sovralimentato della Evora GTE da cui deriva produce 444 Cv ed è abbinato al cambio meccanico robotizzato con paddle al volante. Con queste caratteristiche “anche” la Carbon Edition (come la Evota GTE standard) è la più veloce Lotus stradale mai prodotta.

Le corse prima di tutto
Lotus apre le danze allo stand del Salone di Ginevra con tre auto da corsa, testimonianza del suo impegno nelle competizioni: troviamo così la monoposto Lotus E20 che sarà schierata nel campionato 2012 di Formula 1 (con il rientrante Kimi Raikkonen e il campione GP2 Romain Grosjean). Al centro la Lotus LMP2 (telaio Lola, motore BMW, “nome” Lotus) e, infine, Lotus F1 Team Evora GTE, dedicata al ritorno di Raikkonen in F1. E’ basata sulla Lotus Evora GTE ma, con un deciso lavoro di alleggerimento, pesa 100 kg in meno. Ne saranno prodotti solo 5 esemplari in tutto il mondo.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.