Condividi

COSì UGUALE, COSì DIVERSA. LA SUZUKI SWIFT DI ULTIMA GENERAZIONE IN ANTEPRIMA MONDIALE A GINEVRA E’ UN’AUTO MOLTO DIVERSA DALLA PRECEDENTE, OGGETTO DI UNA RIVISITAZIONE A 360° (PIU’ LEGGERA, PIU’ SPAZIOSA, PIU’ EFFICIENTE, MEGLIO EQUIPAGGIATA). EPPURE E’ ANCORA UNA SWIFT!

La Suzuki Swift si rinnova profondamente con un’ampia gamma di novità che hanno riguardato la ridefinizione dell’intero progetto. SWIFT (Lunghezza: 3.840 mm; Larghezza: 1.735 mm; Altezza: 1.495 mm (2WD) 1.520 mm (4WD) Interasse: 2.450 mm) è 10 mm più corta della generazione che va a sostituire ma ha il passo più lungo di 20 mm così da creare maggior spazio nell’abitacolo e nel bagagliaio. Quest’ultimo ha una capacità di 265 litri, 54 litri in più rispetto a prima. Inoltre Suzuki SWIFT è 15 mm più bassa e 40 mm più larga.

A livello strutturale l’evoluzione del telaio ha permesso di eliminare fino a 120 kg dal peso complessivo (che ora parte da 840 kg) rispetto al modello precedente grazie all’impiego di materiali leggeri per la piattaforma Heartect. Inoltre è migliore del 5% in termini di efficienza, 3% più silenziosa, 8% più aerodinamica. Sono state ridisegnate le sospensioni – ora più leggere – e riviste nella geometria.

Il design esterno presenta uno stile più tondeggiante, caratterizzato da spigoli più smussati per conferirle un’aria più sportiva. L’allestimento prevede: proiettori anteriori a LED e luci di posizione a LED, fari posteriori pure a Led, sette tinte carrozzeria, tra cui i brillanti “Burning Red Pearl Metallic” e “Speedy Blue Metallic”, oltre a quattro combinazioni BiColor, cerchi in lega da 16″ bicolore o cerchi in acciaio da 15″ con copricerchi.

Gli interni si caratterizzano per il volante sportivo a tre razze con base piatta, sedili anteriori rivisti nella seduta, schermo a colori LCD da 4″2 con computer, schermo touchscreen da 7″ a centro della plancia con Smartphone Linkage Display Audio che offre le funzionalità di connettività Bluetooth e USB, supporto Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink e slot per SD card, sistema DAB+.

Le motorizzazioni della nuova Suzuki Swoft partono dal piccolo motore 3 cilindri 1.0 Boosterjet – con iniezione diretta e turbocompressore – con 82 Cv a 5.500 giri e 170 Nm tra 2.000 e 3.500 giri con cambio manuale a 5 marce (160 Nm tra 1.700 e 4.000 giri con cambio ). E’ poi a listino il 1.2 Dualjet (4 cilindri) con 66 Cv a 6.000 giri e 120 Nm di coppia massima a 4.400 giri. Quest’ultimo è disponibile con trazione anteriore o 4 ruote motrici Allgrip.

Entrambe le motorizzazioni possono essere abbinate al sistema ibrido Suzuki denominato SHVS (Smart Hybrid Vehicle by Suzuki).

La dotazione di sicurezza comprende: ESP, 6 airbag, Hill Hold control, sensore controllo pressione gomme, mitigazione impatto con pedoni, il dispositivo di assistenza alla frenata d’emergenza Dual Sensor Brake Support (DSBS), che emette un avviso acustico o, nei casi peggiori, aumenta la frenata autonomamente; Lane departure warning (oltre 60 km/h), indicatore di stanchezza Weaving alert function, fari abbaglianti automatici (oltre 40 km/h) e cruise control adattivo (funziona tra 40 e 160 km/h).

SPECIALE SALONE DI GINEVRA 2017

Gli Speciali di 0-100.it: Salone di Ginevra 2017

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.