Condividi

SFILATA NELLA CAPITALE. LA CITTA’ ETERNA RISUONA DEI MOTORI FERRARI E DEI PROPULSORI DI TUTTI I FRAZIONAMENTI POSSIBILI.

Lungo le strade trafficate di Roma, Ferrari e vetture storiche hanno dato spettacolo.

Secondo un vecchio e “sinistro” proverbio “chi, alla Mille Miglia, è primo a Roma, difficilmente vincerà la corsa“. Per ora i partecipanti si godono il divertimento e il fascino della capitale nelle ore serali.

Durante gli anni della vera competizione, il passaggio avveniva in pieno giorno dopo già numerose ore ininterrotte di competizione ad altissima velocità e con già nella testa e nel fisico una certa stanchezza.

Ricorderà Stirling Moss, parlando di quando correva alla Mille Miglia: “non ho idea di cosa ci dessero per tenerci svegli!” Anche oggi, che la Mille Miglia è una gara di regolarità, l’impegno e lo stress non sono da meno.

Certamente la corsa ha drasticamente diminuito l’indice di pericolosità ma senza dubbio, per ogni equipaggio che partecipa alla corsa, riuscire a rivedere il traguardo di Brescia è certamente una grandissima vittoria.

[Photo credit: Professionalshots.it]

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.