Condividi

CLASSICO E’ MODERNO. LAURENT FERRIER INTERPRETA GLI STILI PIU’ CLASSICI DELL’OROLOGERIA FINO A CALARLI NELLA MODERNA REALTA’ ATTUALE. I SUOI MOVIMENTI, DI MANIFATTURA, CELEBRANO LA RAFFINATEZZA TECNICA DELL’ALTA OROLOGERIA.

Al SIHH 2016 Laurent Ferrier amplia le sue collezioni, nate da pochissimi anni ma di fatto entrate nella lista dei desideri degli appassionati di orologeria. Il marchio di Plan Les Ouates, alle porte di Ginevra, ha trovato il suo spazio proponendo l’amalgama di stile classico e influenze moderne, suggellato dalla presenza di movimenti rigorosamente di manifattura. E’ una celebrazione della più fine tradizione del settore ma con ben radicato nella modernità e con lo sguardo sempre rivolto al futuro.

Laurent Ferrier Galet Square Boréal

Dalla nascita della collezione Galet, la prima di Laurent Ferrier, sono trascorsi sei anni. Come un ciottolo che viene modellato dall’azione del tempo e della natura, così la cassa Galet si rinnova con un volto inedito. Per Laurent Ferrier il Galet esprime la perfetta integrazione tutti i componenti della cassa, in acciaio da 41 mm di diametro. Questa è stata plasmata secondo i canoni stilistici dell’Art Deco ma con un tocco avantgarde per darle un connotato contemporaneo. Il quadrante, con finitura satinata, presenta una circonferenza centrale, sfiorata dalla punta della lancetta delle ore, realizzata in superluminova e da cui si dipartono gli indici delle ore. Sulla parte più esterna la minuteria si preoccupa di dare un’impronta più classica.

Monta il calibro FBN 229.01, meccanico a carica automatica con micro rotore, progettato, sviluppato e assemblato in-house. E’ dotato di uno scappamento in silicio capace di dare un doppio impulso diretto sul bilanciere (Abraham Louis Breguet lo definì scappamento naturale). Questo viene stimolato due volte per ogni oscillazione, una costruzione che esige due ruote di scappamento e una leva realizzata su misura. I vantaggi sono: efficienza energetica garantendo elevata ampiezza dell’oscillazione e minor dispendio di energia per la carica della molla.

Laurent Ferrier Galet Traveller Globe Blue Night

Inventato nel 2013, il Galet Traveller offre una inedita visione di un secondo fuso orario. Il nuovo modello (cassa da 41 mm di diametro in oro bianco) presenta un quadrante speciale in oro, decorato secondo la tecnica champlevé con un planisfero realizzato in oro 18K (i continenti) e con mari e oceani fatti di smalto. Sulla mappa, dominata dal colore blu, sono ricavati “buchi d’oro” corrispondenti alle più importanti città del mondo.

L’ora locale è indicata dalle lancette centrali. Quando si entra in un nuovo fuso orario, con la pressione di uno dei due pulsanti alle ore 8, la lancetta avanza o arretra con salti di un’ora (senza alcuna conseguenza sulla lancetta dei minuti e sui piccoli secondi alle ore 6). Naturalmente il datario (finestrella a ore 3) avanza secondo l’avanzamento delle ore. La finestrella alle ore 9, invece, riporta l’ora di riferimento (l’ora di “casa”).

Questa funzionalità si deve al calibro LF 230.01, meccanico a carica automatica (21.600 alternanze l’ora, con micro rotore di carica e scappamento naturale a doppio impulso diretto) con 80 ore di autonomia.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.