Condividi

ME COJONS! IL MOTORE ELETTRICO DELLA FERRARI LAFERRARI PRODUCE 161 CV, QUELLO DELLA MCLAREN P1 NE DA’ 177. QUELLI (SONO 2!) DELLA PORSCHE 918 SPYDER FORNISCONO, IN TUTTO, 279 CV. MA “SEMBRA” CHE IL MOTORE ELETTRICO DELLA KOENIGSEGG REGERA NE FORNISCA 690. E QUELLO TERMICO? IL MOTORE DELLA ONE:1 FA 1.341 CV. QUINDI…

Sono ormai settimane che si rincorrono gli interrogativi sulla nuova Koenigsegg che sarà al Salone di Ginevra. Si chiamerà Koenigsegg Regera e sarà presente assieme a un’altra straordinaria vettura, la Agera RS.

Sarà una nuova automobile? Con un design completamente differente rispetto alla Agera? E che motorizzazione avrà?

Dopo gli avvistamenti di “strane” Koenigsegg Agera sulle fredde strade scandinave, arrivano le dichiarazioni del magazine EVO, che afferma parecchie cose interessanti:

1. La Koenigsegg Regera sarà un’automobile completamente nuova, diversa dalla Agera
2. Sarà un’automobile ibrida
3. Sarà l’automobile più potente e con la più straordinaria accelerazione che si sia mai vista
4. Sarà più lussuosa, veloce e leggera della Agera.
4. Il motore elettrico della Regera fornisce 690 cavalli!

Se confermato si tratta di un risultato straordinario visto che le tre più titolate concorrenti di questa fantomatica Mega Car, Porsche 918 Spyder, McLaren P1 e Ferrari LaFerrari, producono molto meno di 200 Cv di potenza elettrica.

Ad aumentare la curiosità ci pensa la mancanza di qualsiasi accenno al motore termico anche se è possibile che si tratti di un V8 di grande cilindrata e con 2 turbocompressori. A tal proposito, giova ricordare che la Koenigsegg One:1, presentata a Ginevra 2014, fornisce 1.341 cavalli.

Se per la Regera venisse fornito lo stesso propulsore, siamo di fronte a una macchina da 2.000 cavalli.

Fonte: EVO

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.