Condividi

TI PRENDO A SORPASSI! NEL 2014 LE VOLVO CON TUNING UFFICIALE POLESTAR SARANNO A LISTINO IN MEZZO MONDO. MA MENTRE I TEDESCHI HANNO UNA TRADIZIONE LUNGA E PROLIFICA DI VERSIONI SPECIALI DELLE LORO BERLINE E STATION WAGON, PER CERCARE MODELLI ADRENALINICI NELLA GAMMA VOLVO E’ NECESSARIO SFORZARSI MOLTO. E ALLORA SI MATERIALIZZANO LE GUSTOSE S60 R E V60 R (2003), LA V70 R DEL 2000 O LA 250 T5R DI INIZI0 ANNI 90. VOLVO, EVIDENTEMENTE, NON HA MAI CREDUTO FINO IN FONDO AL PARADIGMA DELLA SPORTIVITA’. EPPURE UN MARCHIO COSI’ ATTENTO ALLA QUALITA’ MERITEREBBE DI DARE MAGGIORE RISALTO AI MODELLI EMOZIONALI.

Mercedes AMG, BMW M, Audi S e RS, Jaguar R… ognuno dei marchi Premium più in vista del mercato possiede una propria linea di modelli sportivi, quelli destinati a chi non intende rinunciare al comfort e allo spazio di una grande berlina o station wagon ma vuole godere di cavallerie imbizzarrite per prendere a sorpassi le Porsche 911, le Aston Martin V8, le Maserati Granturismo…

in questo club esclusivo ci sono sempre state anche le Volvo. Si ricordano, all’inizio degli Anni 90, in epoca di boom della Milano da Bere, gli eserciti di Volvo 740 Turbo Intercooler e di 850 T5R che affollavano Cortina d’Ampezzo, Forte dei Marmi, Rimini, Madonna di Campiglio, Santa Margherita o Courmayeur… Ma in seguito la Casa Svedese non si è dedicata anima e corpo a coltivare questa nicchia, preferendo un approccio razionale e lasciando che le V70R di fine Anni 90 e le S60 R e V60 R di inizio millennio passassero quasi in sordina.

POLESTAR

Le cose potrebbero cambiare grazie all’aiuto di Polestar, il “braccio armato” di Volvo, la factory fondata nel 1996 con il supporto della Casa Madre per porre in essere il programma sportivo Volvo.

Grazie alla lunga esperienza acquisita nel Motorsport, Polestar crea una nuova famiglia di modelli sportivi Volvo ad altissime prestazioni, inaugurata dalla S60 Polestar e V60 Polestar.

PER TUTTE LE OCCASIONI

Volvo e Polestar hanno condotto lunghi e faticosi test in una molteplicità di condizioni per raggiungere il livello di affidabilità desiderato. Lo sviluppo ha, quindi, determinato un livello di sportività molto elevato ma, sottolinea Volvo, nel pieno rispetto della qualità dei suoi prodotti, dell’affidabilità, della praticità e del comfort nell’utilizzo quotidiano.

TELAIO

Le Volvo Polestar si riconoscono per il look più sportivo sviluppato nella galleria del vento di Volvo. Di primo impatto ci sono il nuovo splitter anteriore sotto lo scudo paraurti, lo spoiler posteriore e l’estrattore inferiore.

Rispetto a una Volvo S60 R-Design le sospensioni, equipaggiate con ammortizzatori Öhlins, sono state irrigidite dell’80% e la scocca rinforzata. Le versioni Polestar, inoltre, montano ruote in lega da 20″ (con pneumatici 245/35 R20) e impianto freni più potente con dischi anteriori da 371 mm di diametro accoppiati a pinze Brembo anteriori a 6 pompanti. In coda ci sono dischi da 302 mm.

MOTORE E TRASMISSIONE

Il motore, il 6 cilindri in linea 3 litri T6 con turbocompressore, è stato potenziato fino a erogare 350 Cv a 5.700 giri e 500 Nm di picco già tra 2.800 e 4.750 giri. Per rendere giustizia a un propulsore così generoso, Polestar monta un impianto di scarico sportivo con sonorità modificata per esaltarne l’acustica.

Il propulsore fornisce coppia alla trazione integrale (con frizione elettronica Haldex che fa le veci di un differenziale centrale) attraverso un cambio automatico a 6 marce con taratura dei rapporti più sportiva.

PRESTAZIONI

Nonostante 1.752 kg di peso (la S60 Polestar) e 1.822 kg (V60 Polestar), le prestazioni sono molto elevate: 0-100 in soli 4″9, 0-200 in 17″7, 80-120 km/h in 4″7 e velocità massima autolimitata a 250 km/h.