Condividi

UNA CAREZZA IN UN PUGNO. IL MARCHIO LANCIA E’ ORMAI LONTANO DAL SUO GLORIOSO PASSATO. L’UTILIZZO DELLE MECCANICHE CHRYSLER E LA CONCENTRAZIONE SUL VALORE DELL’ESCLUSIVITA’ (DIMENTICANDO, TUTTAVIA, QUELLO SPORTIVO) NON SODDISFANO LA CLIENTELA. LA PASSIONE DEI LANCISTI, PER FORTUNA, NON E’ DEL TUTTO SOPITA. IL DESIGNER ANGELO GRANATA IMMAGINA UNA DELTA NEOCLASSICA CON IL MOTORE DELL’ALFA ROMEO GIULIETTA.

E se la Delta ritornasse come era un tempo? Ammesso che questo possa essere possibile (c’è sempre a disposizione la meccanica dell’Alfa Romeo Giulietta) non sarebbe facile recuperare il terreno perduto e restituire al mercato degli appassionati un prodotto valido, autorevole e titolato come fu l’ultima Lancia Delta, quella prodotta fino ai primissimi Anni 90.

Oggi la Delta Integrale EVO, l’ultimo modello sportivo costruito, si scambia tra i collezionisti a cifre importanti. Possedere un esemplare è come ricoprire uno status, è un biglietto da visita straordinario.

La nuova Lancia Delta dovrebbe essere il non plus ultra dell’armonia tra eleganza e sportività, i più tipici connotati di una Lancia.

DELTA NEOCLASSICA

Il designer Angelo Granata immagina di riportare alla luce il concetto primigenio della Lancia Delta disegnata da Giugiaro e di pervadere di Neoclassicismo le forme geometriche, tipicamente Anni ’70, della compatta torinese.

La carrozzeria, quindi, sarebbe molto simile all’ultima “vera” Delta che siamo abituati a conoscere. Non dissimile, per altro, nemmeno dall’Audi Sport Quattro Concept presentata a Francoforte 2011.

La nuova Lancia Delta sarebbe lunga 427 cm, larga 185 e alta 138, con un passo di 263 cm. All’apice della gamma, dove si posizionerebbe l’Integrale, la Delta utilizzerebbe il 1.750 TBI di provenienza Alfa Romeo da 235 Cv.

Grazie alla trazione integrale potrebbe scattare sullo 0-100 in 6″2 e superare 240 km/h.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.
  • Nicola

    Neramente bellissima. Penso che questa macchina se sbarcasse nel mercato riporterebbe molto in alto il nome Lancia. Credo che i numeri di vendita saranno altissimi.
    Spero vivamente che entri nel mondo delle auto molto molto presto.