Condividi

C’E’ SEMPRE UNA PRIMA VOLTA. IN OCCASIONE DELL’ASTA DI BENEFICENZA ONLY WATCH 2015, TUDOR, ALLA SUA PRIMA PARTECIPAZIONE, REINTERPRETA UNA DELLE SUE REFERENZE MENO NOTE: LA 7923, OROLOGIO PRESENTATO A META’ DEGLI ANNI 50,PRODOTTO IN POCHISSIMI ESEMPLARI E L’UNICO SUBACQUEO DEL MARCHIO DOTATO DI UN MOVIMENTO MECCANICO A CARICA MANUALE.

La cassa in acciaio lucido e satinato del TUDOR Heritage Black Bay One, moderna reinterpretazione della ref. 7923 (37 mm), misura 41 mm di diametro e ripropone i biselli accentuati sulle anse tipici degli orologi subacquei TUDOR degli Anni 50.

Al suo interno pulsa il calibro 2824, meccanico a carica automatica con circa 38 ore di riserva di carica.

La corona avvitata, sporgente e senza spallette di protezione, è montata su di un tubo in alluminio anodizzato dello stesso colore della lunetta girevole unidirezionale che non presenta, come nel modello al quale s’ispira, la suddivisione dei minuti.

Il quadrante nero lucido, che riprende anch’esso le linee dei modelli realizzati tra la fine degli Anni 50 e i primi Anni 60, presenta, al pari della referenza “Madre”, iscrizioni (a ore 6 con l’indicazione della massima profondità di immersione garantita e l’indicazione “shock resisting”) e lancette dorate.

E’ protetto da vetro zaffiro particolarmente bombato, caratteristica tipica dei vetri acrilici utilizzati dall’industria orologiera negli Anni 50.

Al fine di garantire un’ottimale leggibilità anche in condizioni di scarsa luce, il materiale luminescente è applicato in inserti dorati invece che dipinto sul display.

Impermeabile fino a una profondità di -200 metri, questo segnatempo realizzato in un’unico esemplare, è assicurato al polso con un bracciale in acciaio inox con attacchi cilindrici e chiusura pieghevole con fermaglio di sicurezza. E’ inoltre corredato di ulteriori due cinturini di cui uno marrone in cuoio invecchiato e l’altro in tessuto jacquard grigio antracite con fibbia ad ardiglione.

Condividi
She was born and raised in Milan, after studying linguistics she gained several experiences in the fashion and publishing industry. The passion for travels, beauty and for everything that makes the universe of the "bien vivre" special, turned her into a delicious and sharp "pen" from the creatively poetic touch in the world of Dolce Vita, mechanical watches and cars.