Condividi

LA PRIMA VOLTA TRA SUGGESTIONI ED EMOZIONI. YACHTING IN LAGUNA. LA PROSSIMA PRIMAVERA, PER LA PRECISIONE DAL 21 AL 25 APRILE 2016, LA SERENISSIMA VERRA’ ANIMATA DA UN SALONE NAUTICO “DIFFUSO” CHE DAL PALA EXPO VENICE GIUNGERA’ FINO ALL’ARSENALE.

La manifestazione Yachting in Venice nasce dalla collaborazione tra Expo Venice e I Saloni Nautici, società controllata da UCINA Confindustria Nautica.

La scelta della magica città lagunare amata in tutto il mondo non può che rappresentare lo scenario migliore per evidenziare il forte legame che il Bel Paese vanta con il mare.

Il nuovo Salone sarà distribuito in più sedi espositive; accanto al padiglione, nel canale Brentella, prenderà vita il WaterPark dedicato alla Piccola Nautica con la possibilità di testare le barche.

Le imbarcazioni più grandi saranno invece ormeggiate alle banchine dell’Arsenale con una parte espositiva a terra nelle grandi Tese.

Altri punti su cui si lavorerà sono la Darsena Sant’Elena, la banchina Adriatica di Venice Yacht Pier, le isole della Certosa con il Marina Vento di Venezia e quella di San Giorgio presso la Fondazione Cini e la Compagnia della Vela.

Con la Facoltà di Architettura IUAV si sta studiando inoltre un percorso pedonale urbano sempre allo scopo di “raccontare” la nautica.

Il programma, oltre ai tradizionali convegni e Tavole Rotonde, prevederà l’apertura del Venice Yacht Design Forum che vedrà coinvolti i migliori designer del mondo (The Future of Boating).

Il Presidente de I Saloni Nautici Anton Francesco Albertoni ha dichiarato: “….Arriviamo a Venezia con grande entusiasmo. Siamo grati a Expo Venice per aver sollecitato questo accordo che ci dà modo di scrivere una nuova pagina nel mondo dei grandi Saloni Nautici mondiali. Ci vorrà tempo, come in tutte le cose, ma la nostra intenzione è quella di portare l’evento di Venezia a livello di leadership mondiale. In Germania e verso est abbiamo un mercato importante, che è abituato a dialogare con questa meravigliosa città. Per i cantieri e le aziende sarà la risposta a quelle opportunità di business che cercano da tempo per ampliare il loro bacino di interesse”.