Condividi

SCEGLI TU COME PIACERE. IL CROSSOVER HONDA SI PRESENTA A GINEVRA CON UNO STILE TIPICAMENTE GIAPPONESE MA IMPRONTATO A UN COUPE’. DUE MOTORI DISPONIBILI, UN BENZINA DA 130 CV E UN TURBODIESEL DA 120.

Al Salone di Ginevra 2015 Honda introduce il model year 2015 dell’HR-V. Il Crossover medio giapponese ha uno stile riconoscibile e, nella nuova generazione, ambisce a stuzzicare l’attenzione con forme che strizzano l’occhio alla categoria dei coupé.

DESIGN

Il frontale, ad esempio, presenta una particolare forma dei fari e della calandra, uniti a formare un’unica forma avvolgente che dona un senso di rotondità. La fiancata presenta una scalfatura che sale verso le porte posteriori, astutamente configurate con maniglie nascoste. L’ulteriore andamento discendente del vetro laterale suggeriscono una forma di coupé 2 porte. La vista posteriore restituisce chiarezza alla tipica forma da SUV: il portellone, di grandi dimensioni ha un andamento verticale ed è dominato da grandi fari di forma complessa.

ABITACOLO

L’abitacolo della nuova HR-V ha un layout improntato all’innovazione: strumentazione a 3 quadranti con anelli di luce “fluttuanti”, schermo a sfioramento Honda Connect da 7 pollici (di serie su HR-V Sport ed Executive), grande presa d’aria di fronte al passeggero, tunnel “sospeso” con ingressi inferiori per dispositivi multimediali, plancia di gestione della climatizzazione a sfioramento.

Poiché il serbatoio è posizionato sotto i sedili anteriori, l’area posteriore è stata progettata godendo di ampia libertà: i sedili sono così stati progettati utilizzando il sistema Magic Seats, con la base del sedile sollevabile e agganciabile allo schienale per liberare completamente lo spazio in altezza. Il baule parte da una capienza di 453 litri e può arrivare a 1.026.

MOTORI

Sul mercato italiano l’HR-V sarà in listino con 2 motori: benzina 1.5 i-VTEC da 130 CV (con cambio manuale o automatico CVT) e un motore diesel 1.6 i-DTEC da 120 CV.

SICUREZZA

L’HR-V è basato sulla piattaforma ACE™ (Advanced Compatibility Engineering™), studiata per offrire la migliore dispersione delle forze in caso d’urto e minimizzare le probabilità che si verifichino collisioni in cui la parte anteriore del veicolo potrebbe ritrovarsi sotto o sopra l’ostacolo.

Di serie è equipaggiata con sistema attivo di assistenza alla velocità, sistema di frenata a bassa velocità, avviso di collisione anteriore, il sistema di avviso di abbandono della corsia, il sistema di riconoscimento della segnaletica stradale e il sistema di supporto fari abbaglianti.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.