Condividi

DI BENE IN MEGLIO. LA POLO E’ SEMPRE PIU’ MINI GOLF. E CON IL MOTORE 1.8 LA SORELLA POVERA DELL’AUDI S1 SI PERMETTE UNO 0-100 IN 6,7 SECONDI E QUASI 240 KM/H. PER GLI INCONTENTABILI ANCHE CON AMMORTIZZATORI A CONTROLLO ELETTRONICO.

Tutto cominciò con la super-naif Polo G40 con il suo piccolo motorino 1.300 con compressore volumetrico per 115 Cv. Poi, negli Anni 90 (terza serie del modello) e nell’impervesare delle “16 valvole” fu prodotta con uno stuzzicante motore 1.6 16v con 125 Cv e ben 205 km/h di velocità massima (pesava appena 935 kg).

L’ultima generazione della Polo più sportiva della famiglia, che da qualche tempo accoglie l’altisonante denominazione GTI, arriva alla soglia dei 200 cavalli grazie al motore 1.8 TSI.

E’ disponibile in versione 3 o 5 porte e si riconosce per la classica calandra a nido d’ape con la caratteristica linea rossa che unisce i fari anteriori (possono essere equipaggiati con luci a LED per anabagglianti e abbaglianti), cerchi in lega da 17″, pinze freno di colore rosso, spoiler sul tetto, fari posteriori scuri, scarico doppio sul posteriore.

Per la carrozzeria sono disponibili 7 colori: Pure White, Rosso Flash e Nero. Le tinte metallizzate sono l’Argento Riflesso, Deep Black e Blue Silk nonché la vernice perlata Bianco Oryx.

400 CC IN PIU’

Rispetto alla precedente versione, la nuova Polo utilizza un differente motore: dal 4 cilindri 1.4 TSI si passa al 1.8 TSI, con potenza cresciuta da 180 a 192 cavalli tra 4.200 e 6.200 giri (con cambio DSG: 192 Cv tra 5.400 e 6.200 giri). La coppia massima erogata è pari a 320 Nm tra 1.400 e 4.200 giri (DSG: 250 Nm tra 1.300 e 5.400 giri)  Siamo molto vicini ai 220 Cv della Polo R WRC Stradale presentata nel 2013.

La nuova Polo GTI percorre lo 0-100 in 6″7 e tocca quota 236 km/h. Se equipaggiata con il cambio meccanico a 6 marce il consumo medio è di 6 litri di benzina ogni 100 km. Se, invece, è equipaggiata con il doppia frizione DSG a 7 marce, questo si riduce a 5,6 l/100 km.

DI SERIE

– Cerchi in lega da 17″ con pneumatici 215/40
– Dischi freno anteriori da 310 mm (posteriori da 230 mm).
– Controllo di stabilità ESC con programma sportivo
– Assetto ribassato (10 mm davanti, 15 mm dietro)
– Volante sportivo in pelle con cuciture rosse
– Sedili sportivi riscaldabili
– Sistema di monitoraggio stanchezza del pilota
–  Infotainment Composition Touch
– Sensori di parcheggio anteriori e posteriori
– Navigatore satellitare
– Regolazione della coppia in fase di rilascio (MSR)
– Differenziale elettronico EDS
– Antislittamento ASR

ASSETTO SPORT SELECT

Per la prima volta su una Volkswagen Polo, è possibile montare ammortizzatori a controllo elettronico. L’Assetto Sport Select regola la risposta degli ammortizzatori determinando una configurazione molto più sportiva dell’assetto. Si utilizza un pulsante (“Sport”) per commutare la taratura.

E’ inoltre disponibile lo Sport Performance Kit che modifica risposta del pedale dell’acceleratore, livello della servoassistenza e sonorità del motore.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.