Condividi

TRA IL DIRE E IL FARE C’E’ DI MEZZO IL DENARO. ASTON MARTIN STA FACENDO FATICA (PERDITA NEL 2011 E NEL 2012) MA IL FONDO INVESTINDUSTRIAL DI ANDREA BONOMI STA LAVORANDO A NUOVA GAMMA. ULRICH BEZ SI UNISCE ALL’OTTIMISMO E VEDE, DA QUALCHE PARTE NEL FUTURO, UN SUV ASTON MARTIN CON IL MARCHIO LAGONDA (COME LA LAGONDA CONCEPT DEL 2009).

Aston Martin crede ancora nel marchio Lagonda. Anche perché, probabilmente, è l’unico modo per riuscire a produrre un SUV.

Nel 2009, al Salone dell’Auto di Ginevra, Aston Martin resuscitò uno dei più prestigiosi marchi automobilistici inglesi, scomparso ormai da tempo. La Lagonda Concept fu il prototipo ideale per diffondere la possibilità di commercializzare un veicolo SUV.

Dal 2009 a oggi poco è cambiato nell’ambito di questo ambizioso progetto e non ci sono notizie significative sul suo avanzamento.

Resta, tuttavia, una sorta di incrollabile ottimismo in capo a Ulrich Bez. Parlando della Lagonda Concept SUV, il numero uno di Aston Martin ha dichiarato che probabilmente questo modello avrà un futuro produttivo. Non si può dire se in tre settimane o in tre anni ma il futuro produttivo di questo modello appare, almeno a parole, assicurato.

CI VUOLE FEDE (E SOLDI!)

La questione fondamentale è il reperimento delle risorse finanziarie. Come noto, Aston Martin non sta attraversando un momento positivo dal punto di vista finanziario. Il 2012 ha prodotto una perdita di 24,6 milioni di sterline, pari a 29 milioni di euro (nel 2011 il risultato negativo era stato di 21,2 milioni, pari a 25 milioni di euro).

In queste settimane, tra l’altro, è arrivato l’annuncio della decisione di bloccare la produzione dell’Aston Martin Cygnet dopo risultati di vendita molto insoddisfacenti.

Il fondo Investindustrial è entrato in Aston Martin di prepotenza nell’azionariato nel dicembre 2012, acquisendo il controllo da il fondo DAR del Kuwait.

Andrea Bonomi, numero uno di Investindustrial, sta lavorando al rilancio del marchio, come testimoniato dalla recente sigla (luglio 2013) di un accordo con Mercedes per la fornitura di motori AMG.

NUOVI PRODOTTI CERCASI

Con l’Aston Martin DB9 ormai in produzione dal 2004 e la Vantage dal 2005 Aston Martin ha la necessità di dare alla gamma prodotto una sferzata  di rinnovamento.

In questa situazione un veicolo SUV sarebbe certamente un prodotto potenzialmente di successo. L’ipotesi ha valore se si pensa delle recenti dichiarazioni di Rolls-Royce e di Mercedes, entrambe attualmente impegnate nello studio di fattibilità di un modello SUV.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.