Condividi

LA BESTIA E IL BESTIONE. AL CONCORSO DI PEBBLE BEACH CHE SI TERRA’ IL PROSSIMO FERRAGOSTO IN CALIFORNIA, BUGATTI PORTERA’ LE DUE IMPERATRICI: LA VISION GRAN TURISMO (NATA VIRTUALE, DIVENTATA REALTA’) E LA SUA IMMEDIATA EREDE STRADALE: LA CHIRON DA 1500 CAVALLI (E INTANTO UN PRINCIPE SAUDITA SE LE COMPRA ENTRAMBE!). VIDEO: 5 MINUTI “ALL’INSEGUIMENTO” DI UNA VISION GRAN TURISMO.

Il concorso d’Eleganza di Pebble Beach ospiterà, il prossimo Ferragosto, le vetture storiche da collezione più belle del mondo in un evento secondo (se non alla pari) con il “nostro” concorso d’Eleganza Villa d’Este. Ma trattandosi di un vero e proprio festival dell’eleganza, la Pebble Beach Week sarà un appuntamento denso di eventi, non solo dedicati alle storiche.

Nella cornice del prestigioso ed esclusivo evento dedicato alle auto d’epoca le case automobilistiche, come tradizione, saranno presenti con una selezione dei nuovi prodotti. Non mancherà Bugatti, che nell’occasione presenterà, per la prima volta contemporaneamente, la Bugatti Chiron (presentata lo scorso marzo a Ginevra) e la Vision Gran Turismo, la dream-car che l’ha anticipata creando sensazione in un modo tutto speciale (presentata “virtualmente” è successivamente diventata realtà: ma non è rimasta un modello in scala 1:1 quanto un’automobile funzionante al 100%).

La Bugatti Chiron raccoglie l’eredità estetica della Vision Gran Turismo e quella meccanica della Veyron fissando nuovi limiti nella progettazione di automobili stradali.

La Casa Madre informa, intanto, che la produzione sta per partire (il primo esemplare è previsto in consegna il prossimo autunno) e che fino a questo momento il portafoglio ordini ha superato quota 200 esemplari.

Ma, per ora, il “vincitore morale” della corsa all’acquisto di una Chiron è stata vinta dal principe saudita Badr bin Saud (patrimonio stimato: 21 miliardi di dollari). Il facoltoso personaggio, fa sapere Bugatti, ha avanzato “la più convincente offerta possibile” ed è riuscito ad acquistare la Vision Gran Turismo (esemplare unico) e l’esemplare della Chiron esposto al Salone di Ginevra. Si parla di una cifra ben superiore a 5 milioni di dollari.