Condividi

Piazza del Duomo di Parma: il risultato definitivo è già stato scritto sulle classifiche degli imperturbabili cronometristi. In una specie di condizione di stanchezza e ipnosi che fanno a pugni l’una con l’altra gli equipaggi combattono una guerra: arrivare a Brescia!

Non è semplice: dal punto di vista della competizione vera e propria, le ostilità si sono concluse a Modena. Adesso è necessario portare semplicemente la macchina a Brescia. Il che, a meno di qualche imprevista noia meccanica, non è poi così difficile.

Ci vuole comunque strategia: lettura del roadbook, risparmiare il più possibile la meccanica, già provata da 1.500 chilometri di fatiche ininterrotte, attenzione al traffico del sabato sera.

Brescia non è lontana! Parma, due ali di folla festante, incita gli animi a non mollare, saldi nella forza d’animo.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.