Condividi

E APOLLO CI RIMASE DI MERKEL! GUMPERT SPORTWAGENMANUFAKTUR GMBH HA DICHIARATO LO STATO DI INSOLVENZA.

La  crisi taglia la testa a un altro piccolo produttore automobilistico. Qualche giorno fa avevamo dato la notizia del fallimento della poco conosciuta Melkus.

La triste situazione dell’insolvenza tocca ora al marchio fondato da Roland Gumpert, ex capo dell’Audi Sport, ideatore della sconvolgente Apollo. Il tribunale di Gera (Germany), ha affidato all’avvocato Görge Scheid la cura dell’azienda. Secondo un comunicato ufficiale, le vendite in Cina, il mercato su cui il marchio puntava di più quest’anno, hanno molto deluso ponendo l’azienda a rischio fallimento.

Scheid ha tuttavia dichiarato, dopo un primo colloquio con i 30 dipendenti dell’azienda, che ci sono buone possibilità di riprendere il business. L’attività, per ora, prosegue.

L’avvocato tedesco ha inoltre aggiunto: “la Apollo è una macchina matura, con prestazioni di gran lunga superiori rispetto alle supercar concorrenti. Ora sarà essenziale riattivare l’interesse del mercato europeo, troppo trascurato negli ultimi anni”.

MOLTA AUDI IN LEI

Il progetto della Gumpert Apollo iniziò nel 2001 ma la produzione fu avviata solo nel 2005. Meccanicamente si basa su una monoscocca in fibra di carbonio con telai ausiliari al cromo molibdeno e sul motore 8 cilindri 4.2 biturbo dell’Audi RS6 (450 Cv), progetto B4.

Dalla versione iniziale, con 650 Cv, la Apollo è presto evoluta in nuove versioni sempre più potenti e performanti. Il grande valore aggiunto della Gumpert Apollo, al di là di un design non certo accattivante (le cose non sono migliorate con la presentazione della Tornante al Salone di Ginevra 2011, una Apollo con design studiato dalla carrozzeria Touring mai andata oltre la fase di maquette) è l’elevato valore ingegneristico del progetto.

La prova più valida della forza della Apollo è nella versione Apollo Sport, che nel 2009, sul circuito del Nurburgring ha staccato un tempo eccezionale, 7:11.57.

L’ultimo modello prodotto, la Gumpert Apollo R, ha fatto il suo debutto ufficiale al Salone di Ginevra 2012 e avrebbe dovuto lanciare definitivamente l’azienda nel settore delle corse con un modello specificamente studiato per le competizioni: 1.100 kg, 860 Cv.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.