Condividi

Hanhart presenta una collezione di cronografi che suggella il suo legame, oltreché con il mondo dell’aeronautica, anche con le competizioni. La nuova collezione Racemaster, declinata nei modelli GT, GTF e GTM, è la prima che utilizza per la cassa un acciaio speciale, denominato HDSPro®, 100 volte più resistente ai graffi dell’acciaio convenzionale.

Attiva nell’orologeria dal 1882 (quest’anno ricorrono i 130 anni della fondazione), il marchio svizzero-tedesco ha prodotto il primo cronografo nel lontano 1924 ed è quindi al passato che si ispira lo stile dei tre nuovi cronografi meccanici.

Lo stile retrò del Racemaster emerge innanzitutto sul quadrante, semplice, con lancette a forma di freccia, semplici numeri arabi per una facile lettura, contatori del cronografo piccoli e spostati verso la lunetta.

Non manca la scala tachimetrica (segno distintivo di qualsiasi cronografo sportivo ispirato alle competizioni) e la disposizione asimmetrica dei pulsanti della cronografia (con quello di stop-azzeramento in rosso), una firma di Hanhart.

La cassa, da 45 mm di diametro e 16 mm di spessore, ospita il movimento HAN4212, meccanico a carica automatica con 42 ore di riserva di carica.

Pioneer Racemaster GTM: contraddistinto dalla minuteria di colore azzurro, è l’unico cronografo monopulsante della famiglia. Partenza, stop e azzeramento si controllano tutti con il pulsante alle ore 2. Anche dopo l’azzeramento, la lancetta dei secondi cronografici non torna allo 0. Lo farà la volta successiva all’atto dell’inizio di una nuova misurazione.  Il piccolo contatore dei minuti è alle ore 3, i secondi continui alle ore 9.

Pioneer Racemaster GT: questo modello, con minuteria bianca, affida al piccolo contatore alle ore 9 non solo i piccoli secondi continui ma anche la misurazione delle ore.

Pioneer Racemaster GTF: questo modello, con minuteria arancione, fornisce anche l’utile funzione flyback del cronografo.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.