Condividi

IMPARA, ITALIA, IMPARA! HOLDEN, MARCHIO AUSTRALIANO FONDATO NEL 1856 (PRODUCE AUTO DAL 1948), A CAUSA DELLE AVVERSE CONDIZIONI DEL MERCATO INTERNO HA DECISO DI SMETTERE LA PRODUZIONE. CONTINUERA’ A ESSERE, COMUNQUE, PRESENTE SUL TERRITORIO. ENCOMIABILE L’INIZIATIVA DI GENERAL MOTORS (PROPRIETARIA DEL MARCHIO): MASSIMO IMPEGNO PER ASSICURARE UN FUTURO AI 2.900 DIPENDENTI CHE SARANNO COSTRETTI AL LICENZIAMENTO.

Nell’ambito della ridefinizione delle sue strategie globali in un’ottica di maggiore efficienza, General Motors annuncia la chiusura dei reparti produttivi della Holden in Australia (produzione di auto e di motori) a partire dal 2017.

Dan Akerson, Presidente e Amministratore Delegato di General Motors: “siamo impegnati a fondo nel rafforzamento delle nostre operazioni globali e, nello stesso tempo, incontrando le esigenze dei nostri clienti. La decisione di chiudere le operazioni con il marchio Holden è conseguenza della tempesta perfetta che sta vivendo il Paese. La crisi del settore auto sul mercato interno ha determinato una serie di problemi. A questo dobbiamo aggiungere il dollaro australiano forte, gli elevati costi di produzione, le dimensioni modeste del mercato interno e le condizioni globali del mercato mondiale, molto più competitivo e frammentato“.

Questa decisione comporterà il licenziamento di circa 2.900 persone: 1.600 dello stabilimento di Elizabeth e 1.300 dell’impianto produttivo di Vittoria.

Mike Deveraux, numero uno di Holden ha dichiarato che nei prossimi 4 anni la priorità sarà assicurare la continuità lavorativa per i dipendenti. “E’ stata una decisione davvero difficile da prendere – ha detto. Stiamo lavorando con i nostri team, i sindacati, le municipalità locali e il Governo federale per sostenere i nostri dipendenti”

Holden continuerà, comunque, ad avere una presenza massiccia sia in Australia sia nella vicina Nuova Zelanda. Continueranno a lavorarre, infatti, un soggetto dedicato alla vendita, alla distribuzione dei ricambi e un dipartimento Design.

General Motors non abbandonerà l’Australia e la Nuova Zelanda ma continuerà a essere presente. Il nostro modello di business cambierà profondamente ma Holden continuerà a rimanere parte del popolo australiano – ha concluso Deveraux

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.