Condividi

9 MINUTI NEL 1993, 14 SECONDI NEL 2014. QUESTO E’ IL RISULTATO RIVELATO DA UN DOSSIER CIRCA IL TEMPO IMPIEGATO PER RUBARE UN’AUTO. CHE AMAREZZA!

Quando si pensa alla tecnologia spesso e volentieri non si pensa che le migliorie in campo high tech possano rivelarsi quanto mai utili anche per i criminali.

Una volta scassinavano serrature, rompevano finestrini, bucavano gomme mentre ora, grazie a dispositivi che clonano i codici criptati che autorizzano l’apertura delle portiere e che riprogrammano le centraline delle auto, rubare auto risulta essere più semplice e veloce.

I più “tecnologicamente avanzati” risultano essere i malviventi dell’Europa dell’Est e i nord africani attivi soprattutto in Nord d’Italia.

Nel Centro del Paese, roccaforte di delinquenti dell’Est Europa (con sedi in Ucraina e Romania), le vetture rubate vengono poi veicolate verso l’Europa dell’Est, l’Africa Settentrionale e i Paesi Arabi.

Il business delle auto rubate riguarda anche le organizzazioni criminali della Campania che hanno eletto la Capitale italiana come la migliore metropoli dalla quale “prelevare” auto per i loro traffici internazionali.

Nelle regioni del Sud d’Italia vanno tuttora per la maggiore i “metodi della tradizione vecchio stile” con i veicoli rubati impiegati sia per compiere attività illecite sia per smontarle, catalogarle e rimettere in commercio i pezzi di ricambio sotto la copertura di autodemolizioni.

Da sottolineare che, secondo quest’analisi, l’anno scorso i furti in Italia, quasi 112.000, sono rimasti stabili rispetto gli anni precedenti mentre la percentuale di automobili ritrovate è scesa al -41%.

Anche in questo caso al Nord si ritrovano più vetture (77% in Emilia Romagna e 75% in Veneto) che al Sud (27% in Lazio e 28% in Campania).

 

Condividi
She was born and raised in Milan, after studying linguistics she gained several experiences in the fashion and publishing industry. The passion for travels, beauty and for everything that makes the universe of the "bien vivre" special, turned her into a delicious and sharp "pen" from the creatively poetic touch in the world of Dolce Vita, mechanical watches and cars.