Condividi

E QUESTO E’ SOLO L’INIZIO. DAL 2010, ANNO DI LANCIO DELLA MP4-12C, IL MODELLO CHE HA DECRETATO IL RITORNO ALLA PRODUZIONE DI AUTO STRADALI, MCLAREN E’ IN CONTINUO MIGLIORAMENTO. NEL 2014 SONO STATE CONSEGNATE QUASI 1.650 AUTO E IL NUMERO DEI CONCESSIONARI NEL MONDO E’ ARRIVATO A 68. IL 2015 SARA’ CRUCIALE: SARA’ PRESENTATA LA SPORTS SERIES.

Il bilancio 2014 di McLaren Automotive è stato straordinario: il marchio inglese, dal 2010 (anno di lancio della Mp4-12C e della ripresa delle vendite di vetture stradali) è continuamente in crescita e nel 2013 ha fatto segnare il primo profitto.

Nel 2014 sono state consegnate 1.648 vetture, il 21% in più rispetto al 2013. Inoltre, con l’apertura di 14 nuovi concessionari (tra cui Calabasas, Città del Capo, Changsha, Chongqing, Fuzhou, Hangzhou, Kunming, Melbourne, Nanjing, Shenzhen e Tianjin), il totale degli showroom nel mondo è arrivato a 68.

La spinta al risultato del 2014 è venuta dall’impennata delle consegne per il successo della 650S. Nell’anno appena concluso ne sono state consegnate 1.400, a cui vanno ad aggiungersi alcuni esemplari della Mp4-12C uscita di produzione.

E’ da segnalare anche la consegna di 268 esemplari della P1, circa due terzi della produzione complessiva di 375 esemplari, che verrà raggiunta il prossimo giugno.

Il mercato nord-americano resta il più importante, con oltre il 30% del totale delle vetture vendute. Ma la regione Asia-Pacifico ha registrato una crescita di oltre l’80% rispetto al 2013, con l’apertura di 11 nuovi concessionari.

IL 2015

McLaren si aspetta una nuova impennata delle vendite. Al Salone dell’Auto di New York del prossimo aprile, infatti, sarà presentata la nuova Sports Series, il modello entry-level che andrà a posizionarsi sotto la 650S e per la quale si prospettano volumi di vendita molto importanti.

Dal prossimo mese di giugno, inoltre, con la consegna dell’ultimo esemplare della P1, sarà varato il progetto P1 GTR.

Condividi
She was born and raised in Milan, after studying linguistics she gained several experiences in the fashion and publishing industry. The passion for travels, beauty and for everything that makes the universe of the "bien vivre" special, turned her into a delicious and sharp "pen" from the creatively poetic touch in the world of Dolce Vita, mechanical watches and cars.