Condividi

C’E’ UN TERZO OCCHIO? FORSE SCUMACHER INDOSSAVA UNA TELECAMERA GOPRO SUL CASCO CHE POTREBBE CHIARIRE LA DINAMICA DELL’INCIDENTE. SECONDO ALCUNE FONTI E’ STATA CONSEGNATA AGLI INQUIRENTI, SECONDO ALTRE LA FAMIGLIA L’HA TENUTA PER “RAGIONI DI PRIVACY”.

Le operazioni per cercare di chiarire la dinamica dell’incidente di Michael Schumacher sono continuo svolgimento e la vicenda, nel frattempo, si arricchisce di nuovi particolari.

Secondo il giornale locale Dauphiné Liberé l’ex-pilota aveva una telecamera portatile GoPro montata sul suo casco. In un primo momento la famiglia si sarebbe rifiutata di consegnarla alle autorità chiamando in causa “ragioni di privacy”. Ma successivamente, sembra, gli inquirenti sarebbero riusciti ad acquisirla e sarebbero ora in possesso di immagini.

Il sito di informazione francese Bfm Tv, al contrario, afferma che la fantomatica telecamera GoPro sia rimasta nelle mani dei congiunti di Michael e non intende consegnarla alle autorità che stanno indagando. La legge francese, del resto, lo consente: Schumacher, infatti, è stato coinvolto in un incidente, non in un delitto.

Ieri Mick Schumacher, figlio 14enne dell’ex ferrarista, è stato interrogato insieme a un amico per ricostruire lo scenario dell’incidente.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.