Condividi

UN S.A.C. DI CAVALLI. LA RANGE ROVER EVOQUE HA FATTO SCUOLA. MINI PROPONE UNA LA SUA VISIONE DEL CONCETTO CON 218 CV E TRAZIONE INTEGRALE.

La Mini Paceman arriva sul mercato in versione sportiva John Cooper Works, modello top di gamma che abbina la forza di un motore potente con la sicurezza dinamica di quattro ruote motrici.

La John Cooper Works Paceman presenta un’estetica sportiva in forza di dettagli qualificanti: piccolo spoiler inferiore sotto la calandra, al differente scudo paraurti posteriore con scarichi sportivi cromati e avvolti nel fascione, dai cerchi da 18″ in lega (optional quelli da 19″), minigonne laterali, piccolo spoiler posteriore e da una colorazione vistosa (per il tetto, proposto in colorazione a contrasto sul resto della vernice, oltre al bianco e al nero è disponibile anche il Chili Red; la tinta si abbina anche agli spechietti.

Impercettibile, esteticamente, è l’assetto sportivo con corpo vettura abbassato di 10 mm.

MOTORE
Cuore della John Cooper Works è un 4 cilindri in linea 1.6, montato trasversalmente, con iniezione diretta di benzina, sistema di comando valvole Valvetronic, distribuzione bialbero, 16 valvole, turbocompressore twinscroll. Rispetto alle unità presenti sui modelli meno potenti i pistoni sono rinforzati, l’albero motore “ottimizzato”, blocco cilindri in alluminio e sistema di aspirazione più sofisticato.

Questo motore eroga 218 Cv a 6.000 giri e 280 Nm di coppia massima tra 1.900 e 5.000 giri. Dispone, inoltre, di un sistema overboost che porta la coppia a 300 Nm tra 2.100 e 4.500.

TRAZIONE 4ALL
La John Cooper Works Paceman dispone della trazione integrale. La coppia tra gli assi viene ripartita da una frizione elettromagnetica che funziona come un differenziale centrale. In condizioni normali la coppia viene ripartita al 50%-50%. Ma in condizioni estreme il 100% della forza può essere solo per le ruote posteriori.

Il sistema lavora in concerto con il sistema di controllo della stabilità DSC e, in forza di questo, la centralina motore effettua una continua analisi del fondo stradale per effettuare la migliore ripartizione.

La trasmissione si avvale anche del cambio meccanico a 6 marce (l’automatico a 6 marce è optional).

ABITACOLO
L’interno è personalizzato con sedili sportivi, volante sportivo in pelle, da numerose parti caratterizzate da tipiche cuciture rosse (cambio, tappetini, volante), tachimetro con scala a 260, strumentazione con lancette di colore scuro.

PRESTAZIONI
La Jogn Cooper Works Paceman impiega 6″9 sullo 0-100 e tocca 226 km/h (224 con cambio automatico). Il consumo medio dichiarato è pari a 7,4 litri / 100 km (7,9 l/100 km), con un valore di emissione pari a 172 g/km di Co2 (184).

Il pilota può scegliere l’erogazione del propulsore agendo su un pulsante. Il Dynamic Traction Control modifica la risposta del motore ai comandi del gas e la taratura del servosterzo.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.