Condividi

ALLA SCOPERTA DEI LUOGHI SACRI DEL TEMPIO DELLA VELOCITA’. IN OCCASIONE DELLA 62ESIMA EDIZIONE DELLA COPPA INTEREUROPA DI AUTO STORICHE, ALL’AUTODROMO NAZIONALE MONZA E’ STATO INAUGURATO IL NUOVO MUSEO DELLA VELOCITA’. ATTRAVERSO UN PERCORSO DI BEN 14 AREE TEMATICHE, GLI APPASSIONATI DEL MONDO DELLE CORSE POTRANNO VIVERE UN’ESPERIENZA MULTI SENSORIALE UNICA LEGATA ALLA STORIA DEL MOTORSPORT.

L’area espositiva del nuovo Museo della Velocità, collocato all’interno del complesso del circuito, è stata inaugurata alla presenza di testimonial d’eccezione come Giacomo Agostini (ha concesso una MV Augusta 500 a tre cilindri all’esposizione) e Fabrizio Pirovano. Il Presidente ACI Angelo Sticchi Damiani e il vice Presidente AC Milano Marco Coldani hanno colto l’occasione per confermare l’impegno per il mantenimento del Gran Premio d’Italia di Formula 1 a Monza.

In questo vero e proprio polo museale, che fa parte del piano di rilancio dell’Autodromo Nazionale Monza, viene raccontata, attraverso box allestiti con contenuti grafici e multimediali, la storia del circuito (quasi 100 anni) potendo ammirare nello stesso tempo rari pezzi da collezione.

Tra le auto presenti segnaliamo la Mercedes F1 W05 Hybrid, la vettura della Casa di Stoccarda Campione del Mondo di Formula 1 della stagione 2104. Con 16 vittorie in 19 gare, è la monoposto più vincente in assoluto in una singola stagione e nell’intera storia della competizione. La freccia d’argento guidata da Lewis Hamilton e Nico Rosberg (701 punti raccolti) ha conquistato 16 vittorie, 18 pole-position, 12 giri veloci, 31 podi e 30 partenze in prima fila.

Inoltre il visitatore, grazie a un’intuitiva app appositamente sviluppata, potrà “oltrepassare le barriere” alla scoperta dei luoghi sacri del circuito dove sono state scritte pagine gloriose del motorsport, conoscere la storia leggendaria delle Sopraelevate e ricevere ulteriori informazioni su piloti, automobili e moto che qui hanno trionfato.

Condividi
She was born and raised in Milan, after studying linguistics she gained several experiences in the fashion and publishing industry. The passion for travels, beauty and for everything that makes the universe of the "bien vivre" special, turned her into a delicious and sharp "pen" from the creatively poetic touch in the world of Dolce Vita, mechanical watches and cars.