Condividi

FLUSSO DI POTENZA. CON 325 CV, 435 NM, RETROTRENO RINNOVATO AL 60%, NUOVO ESP E NUOVO DESIGN, LA SECONDA GENERAZIONE DELL’INSIGNIA OPC STACCA OTTIME PERFORMANCE: 0-100 IN 6 SECONDI, 250 KM/H AUTOLIMITATI. MA L’AUDI S4 PIAZZA UNO 0-100 IN 5,1 sec.

L’Opel Astra OPC si presenterà al Salone dell’Auto di Francoforte 2013 in versione restyling. La berlina sportiva di Russelsheim esibisce paraurti ridisegnati e un generale make up a livello meccanico.

Gli interventi di miglioria si riferiscono ad alcune zone sensibili:

Componentistica delle sospensioni posteriori rinnovata al 60% come su tutta la famiglia Insignia. I nuovi componenti, in particolare, riducono drasticamente rumori e vibrazioni.
Nuovo software di gestione del controllo di stabilità ESP.
Nuovo software di gestione delle sospensioni a controllo elettronico del telaio FlexRide (risposta più veloce e precisa alle reazioni della scocca durante la guida).

L’Insignia OPC conserva cambio meccanico a 6 marce (optional l’automatico a 6 rapporti), trazione integrale con frizione Haldex (può ripartire la forza di trazione fino al 100% su un solo asse e su ognuna delle ruote posteriori) e impianto frenante Brembo.

Opel dichiara che la Nuova Opel Insignia OPC scatta sullo 0-100 in 6″ (Sports Tourer: 6″3) e raggiunge 250 km/h autolimitati. Eliminando il limitatore la velocità massima è di 270 km/h (Sports Tourer: 265).

ABITACOLO

L’interno sportivo dell’Opel Astra OPC può contare su sedili sportivi Recaro (optional con memorie), nuovo volante sportivo, nuova strumentazione e nuova consolle centrale.

Il computer di bordo è ricco di informazioni ludiche durante la guida sportiva: oltre ai dati di utilizzo comune ci sono anche posizione del pedale del gas, forza di frenata, accelerazione laterale. Tutto è visualizzato sul grande schermo da 8 pollici (optional).

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.