Condividi

50 ANNI VISSUTI DI CORSA. NUOVE MIGLIORIE MECCANICHE E LO STESSO MOTORE (EVOLUTO) DEL MODELLO PRECEDENTE.

Motore che vince non si cambia. Concetto applicato alla lettera alla nuova Porsche 911 (991) GT3 RSR, sviluppata per il World Endurance Championship (WEC) e per la 24 Ore di Le Mans.

Anche se la Porsche 911 ha iniziato a esibire una genuina immagine sportiva a partire dalla leggendaria Carrera RS 2.7 del ’73, la Elfer è sempre stata da subito “anche” un’auto da corsa, di cui la RSR rappresenta un’ideale compendio.

Il nuovo modello reca in sé le migliorie della 991 (con passo allungato di quasi 10 centimetri), alcune specificità tecniche sviluppate appositamente per lei (una nuova sospensione anteriore a doppi triangoli in luogo del sistema McPherson, una nuova scatola del cambio, meccanico sequenziale a 6 marce con paddle al volante) e tutto il collaudato valore del motore 6 cilindri boxer aspirato da 4 litri e 460 Cv della precedente 997 GT3 RSR.

Sul frontale domina la grande bocca che porta aria al radiatore, con ai lati due coppie di fari di profondità. Lo scudo paraurti (anche quello posteriore) è realizzato con ganci che consentono una sostituzione rapida in caso di danni.

La 991 GT3 RSR ha un baricentro significativamente più basso del modello precedente. Inoltre molte parti di carrozzeria sono in fibra di carbonio: scudi paraurti, parafanghi, porte, fondo, ala posteriore, plancia e consolle centrale. Ulteriore risparmio di peso arriva dai vetri laterali in policarbonato e dalla batteria agli ioni di litio, molto piccola e leggera.

LA SQUADRA

La Porsche 991 GT3 RSR ufficiale con il numero di gara 92 sarà al via dell’edizione 2013 World Endurance Championship (WEC) con Marc Lieb e Richard Lietz, coadiuvati (alle prove di Silverstone, SPA e alla 24 Ore di Le Mans) da Romain Dumas.

L’esemplare con numero 91 sarà invece affidato a Joerg Bergmeister e Patrick Pilet (Timo Bernhard sarà di supporto).