Condividi

LA ZATTERA VAGANTE. IN UN PAESAGGIO DI MORBIDE COLLINE, NEI PRESSI DEL PAESETTO DI CARPEGNA, S’INCONTRA QUESTO MASTODONTICO ALTOPIANO ROCCIOSO DALLE PARETI VERTICALI.

Si sale da Sansepolcro verso Badia Tebalda percorrendo una salita con curve ampie, sempre in vista di un panorama mozzafiato verso il Parco delle Foreste Casentinesi.

Qui il paesaggio è più “difficile”, con profonde gole e ripide salite. Le strade sono strette, vittime del dissesto, con larghe fratture che mettono alla prova qualsiasi auto.

Si arriva a Berlforte all’Isauro, Frontino, Carpegna e da qui si entra nella Riserva Naturale del Sasso di Simone.

Nei dintorni del Sasso di Simone (un gigantesco monolite sulla cui sommità i duchi di Montefeltro fecero erigere una rocca difensiva. Si erge fino a 1.200 metri e da qui, nelle giornate limpide, la vista si bagna nell’Adriatico) sopravvivono testimonianze di un passato straordinariamente vivo, fin dall’epoca romana.

Sono borghi piccoli e strategicamente posizionati sulle cime di piccole alture che dominano le valle, e di lontano si scrutano e si parlano; qua e la alti torrioni, pievi e agglomerati rurali oggi addormentati.

prova-su-strada-hyundai-santa-fe-2-2-crdi-4wd-at-itinerario-2-michelangelo-la-verna-camaldoli_0-100_18

PROVA SU STRADA: con la Hyundai Santa Fe 2.2 CRDi 4WD A/T nella Terra di Mezzo

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.