Condividi

IL NUOVO RUGGITO DELLA PANTERA. RINGBROTHERS DEL WISCONSIN PRESENTA ADRNLN, UNA DE TOMASO PANTERA DEL 1971 LANCIATA NEL FUTURO CON DESIGN RINNOVATO E MECCANICA RINVIGORITA DA UN 8 CILINDRI LS3 PORTATO A 600 CAVALLI.

Ringbrothers di Spring Green, nel Wisconsin, ha presentato al SEMA 2013 di Las Vegas ADRNLN, la sua moderna visione di un classico del motorismo automobilistico.

La De Tomaso Pantera, una delle supercar più apprezzate in America per il particolare e riuscito abbinamento tra una meccanica americana e uno stile tutto italiano, diventa lo strumento per realizzare una specie di “opera neoclassica”, il frutto dell’applicazione di concetti moderni su una vettura classicissima, tipicamente Anni 70.

Ringbrothers ha affidato a un team di designer della Nike il compito di effettuare il “respray” del design della Pantera, attualizzandolo con alcuni tocchi di futurismo. Le sue forme sono esaltate dalla particolare colorazione gialla ottenuta con vernici Glasurit e procedimento di verniciatura Line-90 (Gruppo Basf).

Sono stati, quindi ridisegnati il musetto (ora con fari carenati, nuove prese d’aria e due grandi sbocchi di flusso sul cofano) e la coda, che sembra ricordare vagamente la mitica De Lorean.

Lo stesso colore domina anche la metà dell’abitacolo lato pilota, con l’altra metà interamente foderata con materiale in tinta grigio scuro. Nuova anche la plancia, con la parte centrale rivolta verso il pilota e la strumentazione ultramoderna.

ADRNLN è stata, inoltre, aggiornata nella meccanica: nel vano motore è ospitato un 8 cilindri LS3 by General Motors, preparato da Wegner Motorsports. La sua caratteristica più evidente è il sistema di aspirazione che si avvale di un air scoop sul tetto. Scatena 600 Cv ed è abbinato a una trasmissione ZF a 5 marce elaborata da Bowler Performance Transmissions. Tutte le parti mobili sono lubrificati da olio sintetico fornito dalla Royal Purple.

Il possente 8 cilindri ruggisce attraverso un sistema di scarico della Flowmaster con condotti in acciaio inossidabile e scarica tutto il suo potenziale attraverso ruote in lega HRE S101 con pneumatici Nitto Invo. L’impianto freni dispone di grandi dischi con pinze Baer a 6 pistoncini.