Condividi

La novità più importante per la casa di Stoccarda al Salone di Ginevra 2012 è la nuova Boxster, progetto 981. La baby-Porsche è profondamente diversa dalla generazione 987 che va a sostituire.

Il passo è più lungo, le carreggiate sono più larghe, il parabrezza è più avanzato. Nuova anche l’ingegneria della capote in tela, sempre a movimento elettrico.

Al debutto, come sempre, Porsche propone due modelli: Boxster 2.7 e Boxster S 3.4. Entrambe montano motori 6 cilindri con iniezione diretta di benzina, sistema start-stop e recupero dell’energia. Il risultato è che i motori sono più potenti (265 Cv la 2.7, 315 Cv la 3.4) ma consumano, in media, il 15% in meno rispetto al modello precedente. Entrambe sono equipaggiate con cambio meccanico a 6 marce o, a scelta, semiautomatico a doppia frizione PDK con 7 rapporti.

Porsche Panamera GTS
La berlina-coupé 4 porte di Stoccarda è stata sviluppata appositamente per offrire un comportamento più sportivo e in questa versione, la più potente tra le aspirate, privilegia il comportamento nella guida sportiva. La GTS si distingue per gli scudi paraurti ridisegnati, le minigonne più pronunciate e l’ala posteriore della Turbo.

L’8 cilindri a V di 4.8 litri produce 430 Cv e 520 Nm di coppia, valore che la pone a metà strada tra la Panamera 4S e la Panamera Turbo da 500 Cv. La GTS si avvale di trazione integrale PTM e cambio PDK a sette marce. Scatta da 0 a 100 in meno di 4″5 e raggiunge 288 km/h.

Porsche 991 Carrera Cabriolet
La gamma 911 si amplia alle Carrera cabrio, in prima apparizione europea a Ginevra dopo il debutto del NAIAS 2012. La versione scoperta della 991, disponibile in versione Carrera 3.4 da 350 Cv e Carrera S 3.8 da 400 Cv. Grazie al largo uso di materiali leggeri (tra cui il magnesio per la struttura della capote), la nuova 991 Carrera Cabriolet è più leggera della precedente 997 Cabriolet, caratteristica che consente alla Casa di Stoccarda di dichiarare consumi ed emissioni inferiori a prima.

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.