Condividi

IL ROMPISCATOLE. DOPO LA FERRARI P4/5 E LA SCG P4/5 COMPETIZIONE CHE HA CORSO ALLA 24 DEL NURBURGRING, IL MARCHIO SCUDERIA CAMERON GLICKENHAUS CI PROVA TRA I COSTRUTTORI CON UNA COUPE’ AFFASCINANTE ED ESTREMA. SI DICE: 725 KG, 500 CAVALLI.

Negli ambienti automobilistici che contano James Glickenhaus non ha bisogno di presentazioni. Questi “nasce” già come collezionista: possiede, tra le numerose auto più importanti della storia del motorismo, una Ford MK4, una Lola T70, una Ferrari 412P, la Dino Competizione (un prototipo acquistato direttamente dalla Pininfarina), una Duesenberg J446, una Stutz DV-32 e la Ferrari “più antica” oggi esistente: una 166 SC Spyder Corsa che si ritiene sia stata costruita con “pezzi” della 125 S del 1947, la prima Ferrari di sempre.

La vera “vita” del collezionista americano è tuttavia iniziata allorché ha commissionato alla Pininfarina la Ferrari P4/5, una Enzo con carrozzeria ispirata alla grandiosa 330 P4 balzata agli onori della letteratura motoristica per essere, indiscutibilmente, molto più bella della Ferrari Enzo stessa.

Glickenhaus è andato oltre: avendo ottenuto la proprietà intellettuale relativa al design della macchina, ha sviluppato la SCG P4/5 Competizione, una versione da corsa della P4/5 (in realtà una meccanica Ferrari 430 da corsa “vestita” con la carrozzeria della P4/5) con cui ha corso alla 24 Ore del Nurburgring del 2011.

UNA NUOVA SUPERCAR

James Glickenhaus ha in serbo un’altra sorpresa. Il suo marchio SCG, infatti, apparirà sul cofano di una nuova coupé sportiva di cui viene anticipato un breve video teaser.

La SCG 003, si dice, ha un motore V6 biturbo che sviluppa 500 Cv e pesa appena 1.600 libbre, corrispondenti a 725 ridicoli chilogrammi.

Le immagini scivolano su una carrozzeria molto slanciata, con forme molto tese: bassa, larghissima ma anche affascinante, recita il video.

In conclusione di cortometraggio, una lettera “C” appare accanto a 003. Evidentemente la SCG 003C sarà la corrispondente versione da competizione.

 

Condividi
Alvise-Marco Seno
Esperto di Marketing, Comunicazione e storia dell'automobile, giornalista/fotografo freelance, da sempre coltiva la passione per le auto sportive e d'epoca, l'orologeria meccanica e la fotografia. Dopo la laurea in Scienze Economiche si è trasferito a Milano. Oggi lavora nel settore dell'Automotive e collabora con riviste nazionali e internazionali (sia carta, sia web) nel settore automobilistico, lusso, e orologi.